“Vero umanista”: il mondo piange la morte del premio Nobel e combattente anti-apartheid Desmond Tutu

Desmond Tutu era considerato la coscienza morale di Sudafrica.

L'arcivescovo anglicano Desmond Tutu, noto anche come “Arka”, premio Nobel per la pace, oppositore intransigente dell'apartheid e attivista per la giustizia razziale e i diritti LGBT, ha morto in Sud Africa.

A proposito di esso è riportato da The Associated Press.

Si segnala che il sacerdote è deceduto pacificamente domenica 26 dicembre, presso l'Oasis Nursing Center di Cape Cittadina. Aveva 90 anni. È indicato che nel 1997 a Tutu è stato diagnosticato un cancro alla prostata e dal 2015 è stato ricoverato più volte.

Prima del funerale di Tutu a Cape Town, è previsto un lutto di sette giorni, inclusi due giorni di addio, un servizio ecumenico e una messa funebre anglicana nella cattedrale di San Giorgio.

Domenica, sudafricani, mondo leader e persone di tutto il mondo hanno pianto la morte dell'arcivescovo ritenendo “coscienza morale” del Paese.

Il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa, in particolare, ha parlato di “un altro capitolo di dolore nell'addio del Paese al generazione di importanti sudafricani che ci hanno lasciato in eredità un Sudafrica libero.”

“Dai marciapiedi della resistenza in Sud Africa ai pulpiti delle cattedrali, ai luoghi di culto per la pace e al prestigioso Premio Nobel per la pace, Arka si è affermata come campione aconfessionale e inclusivo dei diritti umani universali”, ha affermato il leader del Paese.

Aix – Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha descritto Tutu come “una bussola morale per me e per molti altri”.

“Spirito ecumenico, l'arcivescovo Tutu era un fan della lotta per la liberazione e la giustizia nel suo Paese, ma anche preoccupato per l'ingiustizia ovunque. Non ha mai perso il suo malizioso senso dell'umorismo e la volontà di trovare umanità nei suoi avversari”, ha affermato l'ex leader americano.

E il leader spirituale in esilio del Tibet e amico di Tutu, il Dalai Lama, ha osservato che la vita dell'attivista è stata “completamente dedicata al servizio dei fratelli e delle sorelle per il bene comune”. “Era un vero umanista”, ha sottolineato.

Tutu ha lavorato con passione, instancabile e nonviolenza per rovesciare l'apartheid, il brutale regime di oppressione della maggioranza nera che è continuato in Sudafrica per diversi decenni e si è concluso solo nel 1994.

Un sacerdote allegro e schietto, divenne prima il primo vescovo nero di Johannesburg, e poi – l'arcivescovo anglicano di Cape Town.

“Arka” divenne una figura di spicco nel storia del suo paese, e il premio Nobel Nelson Mandela, dopo essere diventato presidente del Sudafrica nel 1994, ha nominato Tutu capo della Commissione per la verità e la riconciliazione che ha scoperto i crimini dell'apartheid.

La situazione a Bakhmut si sta deteriorando, ci sono più bombardamenti, – vicesindaco

La situazione a Bakhmut è molto difficile/Collage 24 canali< strong _ngcontent-sc85= ""> Gli invasori russi non smettono di cercare di Read more

Taiwan afferma di aver trovato 66 aerei cinesi e 14 navi dentro e intorno allo stretto

Ci sono 66 aerei e 14 navi cinesi/Xinhua nello stretto di Taiwan< p _ngcontent-sc85="" class="news-annotation">La situazione intorno a Taiwan rimane Read more

Leave a Reply