In Montenegro, a causa di minacce e provocazioni, la marcia a sostegno dell'Ucraina è stata posticipata

In Montenegro, a causa di minacce e provocazioni, la marcia a sostegno dell'Ucraina è stata posticipata

Inoltre, la Federazione Russa è stata indignata dall'hashtag del diplomatico ucraino in Montenegro “La Russia deve essere distrutta” in un post sulla Marcia dell'Unità.

A causa delle minacce in Montenegro, la “Marcia dell'Unità” a sostegno dell'Ucraina, che avrebbe dovuto svolgersi il 19 febbraio, è stata rinviata.

Il console dell'Ucraina in questo stato, Mikhail Shmatov, ne ha parlato su Facebook.

“Dalla pubblicazione delle informazioni sulla marcia di sostegno e solidarietà con l'Ucraina in Montenegro, è stato ricevuto un gran numero di commenti e minacce inaccettabili con informazioni su possibili provocazioni”, ha affermato il diplomatico.

Ecco perché gli organizzatori, per evitare provocazioni, dopo aver consultato la polizia di Podgorica, hanno deciso di posticipare l'evento. La nuova data sarà annunciata dopo l'esecuzione dei relativi permessi da parte delle autorità montenegrine.

Va notato che dopo che gli ucraini del Montenegro hanno dichiarato il loro desiderio di tenere una marcia, l'ambasciata russa in Montenegro ha chiesto al ministero degli Esteri del Paese di rafforzare la sicurezza presumibilmente “in caso di provocazioni”.

Inoltre, i russi sono stati indignati dall'hashtag di Shmatov “La Russia deve essere distrutta” in un post sulla Marcia dell'Unità.

A causa della minaccia dell'invasione della Bielorussia: gli abitanti di Volyn sono stati avvertiti dell'attività mineraria del confine

A Volyn sono stati avvertiti delle mine nelle foreste/Collage di Canale 24< strong _ngcontent-sc85="">I difensori hanno avvertito i residenti di Read more

Magazzino da campo, mezzi corazzati per il trasporto di personale e caccia nemici: la brigata Monomakh ha lavorato fruttuosamente

La brigata Monomakh ha inflitto perdite al nemico/Scotnshot con video< strong _ngcontent-sc85="">I difensori ucraini non smettono di distruggere gli invasori Read more

Leave a Reply