Gli occupanti hanno portato a Chernobyl centinaia di tonnellate di munizioni che possono esplodere: Vereshchuk

Gli invasori hanno portato a Chernobyl centinaia di tonnellate di munizioni che possono esplodere, – Vereshchuk

Gli invasori hanno portato munizioni pericolose a Chernobyl/Foto dai social network

Gli invasori russi continuano a trascurare la sicurezza nucleare. Le loro azioni potrebbero portare a un altro disastro nucleare a Chernobyl.

Come riportato da Irina Vereshchuk, gli occupanti russi trascurano la sicurezza nucleare. Hanno portato centinaia di tonnellate di munizioni a Chernobyl, proiettili pericolosi si trovano nelle immediate vicinanze della centrale nucleare.

Pericolo di detonazione di munizioni

I russi hanno iniziato a importare vecchie munizioni a Chernobyl, che può esplodere in qualsiasi momento. L'esplosione di decine di tonnellate di proiettili vicino alla centrale nucleare di Chernobyl può avere conseguenze disastrose. Inoltre, la sicurezza degli occupanti che maneggiano proiettili è a un livello molto basso.

I fatti di tale autodetonazione di munizioni nei depositi e negli arsenali militari russi sono ben noti e si verificano regolarmente”, ha osservato Irina Vereshchuk.

Va anche notato che anche un incendio sarà pericoloso. Durante la combustione, i radionuclidi vengono rilasciati nell'atmosfera, che il vento può trasportare su lunghe distanze, che è irta di radiazioni in Ucraina e in altri paesi europei.

Durante l'allarme nella regione di Kharkiv, si sono sentite esplosioni, il nemico ha sparato su Manganets nella regione di Dnipropetrovsk

Sono state udite esplosioni nelle regioni di Kharkiv e Dnipropetrovsk/Canale 24La notte dell'8 agosto, molto probabilmente gli occupanti hanno attaccato Read more

“Qui ci sarà terra russa o un deserto bruciato”: il comandante del nemico allo ZNPP è rimasto scioccato dalla dichiarazione

Gli occupanti hanno rilasciato una dichiarazione scioccante/Collage di Channel 24un comandante russo ha rilasciato una dichiarazione sulla centrale nucleare di Read more

Leave a Reply