Il treno medico di evacuazione di Ukrzaliznytsia ha portato il primo gruppo di pazienti civili a Leopoli

Il treno medico di evacuazione di Ukrzaliznytsia ha portato il primo gruppo di pazienti civili a Leopoli

Il treno medico di evacuazione di Ukrzaliznytsia ha portato il primo gruppo di pazienti civili a Leopoli/Ministero della Salute dell'Ucraina

Un treno medico di 8 carrozze dell'Ukrzaliznytsia appositamente attrezzato è arrivato a Leopoli. È stato riferito che 25 pazienti di varia gravità sono stati trasportati sul primo volo.

Erano accompagnati da medici belgi e volontari ucraini. È stato riferito che l'ospedale itinerante convertito ha un'auto di terapia intensiva separata, una macchina ad ultrasuoni, una dozzina di concentratori di ossigeno, defibrillatori, pompe per infusione.

Alexander Pertsovsky, capo del dipartimento passeggeri di Ukrzaliznytsia, ha affermato che il trasporto in automedicina consente salvare i pazienti meno mobili da sotto la linea di tiro per ulteriori cure specialistiche in Ucraina e all'estero.

Inoltre, il treno medico aiuterà a scaricare i pazienti del flusso nelle comunità in prima linea.

Siamo passati a un treno medico più grande e tecnicamente avanzato. Questo ci consente di aiutare meglio gli ospedali nell'est con il trasporto dei pazienti più vulnerabili e quindi di salvare loro un posto dove curare i nuovi feriti”, ha affermato la coordinatrice del progetto Marie Burton.

Alexander Pertsovsky ha aggiunto che ci sono attualmente 23 vecchie autovetture rinnovate per un nuovo scopo. I voli dei treni sanitari non saranno resi noti, ma continueranno regolarmente.

A Uzhgorod, ignoti hanno dato fuoco all'auto del giornalista: sul caso indaga la polizia

A Uzhgorod sono state bruciate due auto parcheggiate nelle vicinanze, Subaru Forester e in parte Volkswagen Beetle, di proprietà di Read more

L'ucraina Ksenia Bailo è diventata campionessa mondiale di tuffi tra i junior

L'atleta ucraina di 16 anni Ksenia Bailo ha vinto la medaglia d'oro al Campionato mondiale di tuffi tra juniores, che Read more

Leave a Reply