È stato aperto un traghetto nella regione di Kiev, che collegherà Gostomel e Bucha con Kiev

È stato aperto un traghetto nella regione di Kiev, che collegherà Gostomel e Bucha con Kiev

È stato aperto un traghetto nella regione di Kiev, che collegherà Gostomel e Bucha con Kiev/Alexey Il telegramma di Kuleba

Oggi, 29 aprile, è stato aperto un passaggio temporaneo nella regione di Kiev vicino a Gostomel sulla M-07 Kyiv- Autostrada Kovel-Yagotin. Fornirà collegamenti di trasporto tra Kiev, Gostomel e Bucha attraverso il fiume Irpen.

Lo ha annunciato il capo del quartier generale umanitario della regione di Kiev Oleksiy Kuleba, osservando che sono in corso lavori per riprendere i collegamenti di trasporto nella regione.

p>

Le infrastrutture della regione di Kiev si stanno lentamente riprendendo

Secondo a Kuleba, un passaggio temporaneo vicino a Gostomel aiuterà a collegare Kiev, Gostomel e Bucha. Le auto che pesano fino a 10 tonnellate possono circolare lungo il percorso.

Sia le auto, i camion e gli autobus potranno muoversi lungo l'incrocio, dice il messaggio.

Quindi, il valico non solo faciliterà la circolazione dei cittadini, ma rilancerà anche la vita economica della regione.

Nella regione di Kiev è stato aperto un valico che collegherà Gostomel e Bucha con Kyiv: guarda il video< /p>

Ricordiamo che nella regione di Kiev fino all'8 maggio hanno in programma il ripristino di un importante ponte ferroviario. Ora è in corso la sistemazione di grate e supporti temporanei. Successivamente, inizierà l'installazione della campata.

Deposito di munizioni vicino a Charivnoye e altre perdite di invasori al giorno: riepilogo di OK “South”

Gli invasori russi nel sud hanno perso il loro equipaggiamento in almeno 5 località. In particolare, parlano dell'accumulo di armi Read more

Per seminare il panico: la Russia diffonde falsi nelle terre occupate sui massicci bombardamenti da parte delle forze armate ucraine

Gli occupanti stanno diffondendo falsi nei territori occupati/Canale 24 collageNei territori temporaneamente occupati, i russi non smettono mai di diffondere Read more

Leave a Reply