Nella regione dei Carpazi, la polizia ha arrestato un “ladro di leggi” dalla lista del Consiglio di sicurezza e difesa nazionale

Nella regione dei Carpazi, la polizia ha arrestato un ladro dalla lista NSDC

Nella regione dei Carpazi, ha arrestato un ladro dalla lista NSDC/Polizia nazionale

Gli agenti di polizia della regione di Ivano-Frankivsk hanno arrestato un ladro con il soprannome di “Mamuka”. Questo aggressore di 45 anni è uno di quelli che in precedenza erano nell'elenco delle sanzioni dell'NSDC.

L'arresto è stato effettuato da dipendenti del Dipartimento per le indagini strategiche. Questo è stato segnalato l'11 maggio, ma l'evento è avvenuto un giorno prima.

Cosa attende ora il detenuto

La polizia sta svolgendo attività per individuare rappresentanti di criminali e persone che potrebbero essere coinvolte in attività di sabotaggio e cooperazione con gli occupanti. Fu durante questo periodo che fu catturato “Mamuka”, originario della Georgia. Ora la questione della sua espulsione forzata dall'Ucraina è stata risolta.

Secondo gli investigatori, ha ricevuto il suo “status” nell'ambiente criminale nel 2013. Questo probabilmente è successo a Istanbul. È anche noto che questo aggressore ha legami familiari con un altro ladro, Tariel Oniani.

Detenzione di un ladro con il soprannome di “Mamuka”: guarda il video< /p>

Di recente c'è stato un evento simile

Durante lo stesso studio sui criminali, è stato scoperto un “ladro”, noto con il soprannome di “Vitya Pan”. L'uomo, che era nella lista dei ricercati internazionali, è stato arrestato il 29 aprile.

Inoltre quel giorno è stato immediatamente arrestato uno dei compagni del ladro. Era il cosiddetto “custode” della regione di Kursk e il suo confidente. Tutti loro hanno collaborato strettamente con i rappresentanti del mondo criminale russo.

Che tipo di elenco di sanzioni dell'NSDC è questo

Il 14 maggio, il presidente Volodymyr Zelensky ha annunciato che il Consiglio di sicurezza e difesa nazionale aveva imposto sanzioni personali a 557 ladri. La maggior parte di loro si trovava ancora in Ucraina in quel momento.

Inoltre, sono state imposte restrizioni contro 111 “autorità criminali”. Lo scopo di queste azioni delle autorità era di “ridurre a zero” il numero di queste persone nel paese. Quali sanzioni sono state applicate:

  • blocco completo dei beni,
  • divieto di ingresso nel territorio dell'Ucraina,
  • ulteriore rifiuto di concedere o annullare i visti in corso,
  • negare un permesso di soggiorno temporaneo o permanente,
  • negare un permesso di immigrazione,
  • negare una proroga del soggiorno in Ucraina,
  • l'impossibilità di acquisire da parte loro la cittadinanza e l'espulsione forzata.

Il capo dello Stato poi, nel suo appello, ha praticamente dato una raccomandazione ai rappresentanti sanzionati della malavita . Presumibilmente, chi non è in Ucraina, non c'è motivo di venire qui, chi altro è qui – “non c'è niente su cui indugiare”.

In Polonia, a causa dell'attacco russo all'Ucraina, è stato smantellato un monumento all'Armata Rossa: foto, video

Nella città polacca di Malbork a causa di L'attacco della Russia all'Ucraina, un monumento all'Armata Rossa è stato smantellato.Le autorità Read more

Il ministero della Difesa georgiano potrebbe trasferire informazioni sui volontari georgiani in Ucraina alla Russia – media

A sua volta, il Ministero della Difesa della Georgia nega queste accuse di giornalisti dell'opposizione. Si tratta, in particolare, dell'ufficiale Read more

Leave a Reply