Il giovane pilota russo ha perso la vittoria a causa delle congratulazioni fasciste durante la cerimonia di premiazione

Il giovane pilota russo ha perso la vittoria a causa delle congratulazioni fasciste durante la cerimonia di premiazione

Il russo, che ha vinto la tappa inaugurale del Campionato Europeo Junior di Karting, ha dimostrato” ; Saluto romano" – un gesto dei nazisti.

La Federazione Internazionale dell'Automobile (FIA) ha squalificato il 15enne russo Artem Severyukhin, a causa delle sanzioni contro gli atleti della Federazione Russa che parlavano sotto bandiera italiana. Ha perso la vittoria nel round di apertura del Campionato Europeo Junior Karting in Portogallo a causa di congratulazioni fasciste.

Lo ha riferito Racefans venerdì 13 maggio, citando una dichiarazione ufficiale della FIA.

< p>Durante la cerimonia di premiazione, quando è stato suonato l'inno nazionale italiano, Severyukhin si è colpito con un pugno nella zona del cuore, poi ha teso la mano in avanti. Questo gesto è noto come “saluto romano” ed era usato dai fascisti italiani.

La Federazione Internazionale dell'Automobile ha avviato un'indagine. I testimoni sono stati intervistati e sono state esaminate le riprese video dell'incidente. Lo stesso pilota si è dichiarato colpevole ed ha espresso profondo rammarico per il gesto inappropriato.

Di conseguenza, la FIA ha ritenuto Severyukhin colpevole di aver violato cinque punti del codice dell'organizzazione, tra cui “incitamento pubblico alla violenza o all'odio. “

La Federazione si è limitata alla squalifica del russo solo dalla prima tappa del Campionato Europeo di Portimão, dove ha vinto. Severyukhin non è stato privato del diritto di partecipare a ulteriori competizioni.

Ricordiamo che il team Ward Racing, che il giovane russo ha rappresentato in questo torneo, ha rescisso il contratto con lui dopo uno scandaloso scherzo.

A Uzhgorod, ignoti hanno dato fuoco all'auto del giornalista: sul caso indaga la polizia

A Uzhgorod sono state bruciate due auto parcheggiate nelle vicinanze, Subaru Forester e in parte Volkswagen Beetle, di proprietà di Read more

L'ucraina Ksenia Bailo è diventata campionessa mondiale di tuffi tra i junior

L'atleta ucraina di 16 anni Ksenia Bailo ha vinto la medaglia d'oro al Campionato mondiale di tuffi tra juniores, che Read more

Leave a Reply

2 × 2 =