Picchi di taccheggio in Russia dopo la massiccia invasione dell'Ucraina

Il numero di taccheggi è aumentato notevolmente in Russia dopo un'invasione su larga scala dell'Ucraina

Il numero di taccheggi è aumentato notevolmente in Russia/media russi

La guerra contro l'Ucraina ha colpito duramente non solo l'esercito russo. I cittadini del paese aggressore hanno deciso di sostenere i loro “difensori” e hanno iniziato a saccheggiare.

Affinché i russi non gridino di “sostituzione delle importazioni” e che non abbiano paura delle sanzioni, l'incontro con dura realtà li fa tornare alle più antiche fonti culturali: i furti. Inoltre, la situazione economica sta spingendo per questo.

Aumento del numero di taccheggi

La Russia riesce ad aumentare con successo non solo le perdite nella guerra contro l'Ucraina, ma anche la quantità di taccheggio. In media, nel mese sono stati commessi fino a 130 furti nei negozi, il 18% in più rispetto allo scorso anno. La fattura media delle merci che i russi rubano dai loro negozi è di circa 1.500 rubli.

I ladri dei negozi di alimentari rubano i cesti allo stesso tempo per evitare di mettere gli oggetti rubati nelle borse. Per quanto riguarda la percentuale di merce, il 19% di tutti i furti sono prodotti dolciari. Le salsicce sono un po' indietro – 16%. Stranamente, l'alcol è ancora solo al 3° posto – 14%. Il furto di formaggio è del 13%, mentre il cacao e il caffè sono del 7%.

I gestori dei negozi russi stanno iniziando a lamentarsi di un aumento significativo dei furti e delle spese per una maggiore sicurezza e nuove telecamere a circuito chiuso in un momento in cui anche il denaro è diventato situazione non molto felice.

Anche il numero dei furti nei negozi di abbigliamento è aumentato in modo significativo, i russi si rifiutano ostinatamente di vestirsi con stracci domestici e si affidano al furto di vestiti di marchi occidentali, perché non sono più in grado di per comprarli.

Sanzioni contro la Russia: ultime notizie

  • I russi hanno iniziato a “sostituire” attivamente i marchi importati che hanno lasciato il loro mercato. Ora hanno ricevuto un nuovo metodo di autoavvelenamento con swill di Komi-Cola. I russi hanno rubato l'etichetta della Coca-Cola e tutto ciò che potevano, ma è improbabile che siano riusciti a creare qualcosa di lontanamente simile alla bevanda originale.
  • Uno dei più grandi produttori di carta del mondo ha lasciato il mercato russo.< /li >
Il fotografo dell'Azovstal Dmitry Kazatsky è tornato dalla prigionia russa

< p _ngcontent- sc89="" class="news-annotation">Il difensore ucraino Dmitry "Orest" Kazatsky è tornato dalla prigionia russa. La notizia è in fase Read more

Sullo sfondo di enormi code ai confini con la Federazione Russa, la Finlandia prevede di limitare l'ingresso ai russi

Il paese prevede di limitare l'ingresso dei russi o impedirlo completamente. La Finlandia sta adottando misure per impedire l'ingresso di Read more

Leave a Reply

fifteen − 13 =