Women of Steel: i parenti dei difensori di Mariupol hanno annunciato la creazione del Consiglio

Donne d'acciaio: i parenti dei difensori del Mariupol hanno annunciato la creazione del Consiglio

Donne d'acciaio: i parenti dei difensori del Mariupol hanno annunciato la creazione del Consiglio/Collage 24 canali

I parenti dei difensori di Mariupol hanno creato un consiglio speciale di mogli e madri dei difensori dell'Ucraina “Women of Steel”. Lavoreranno per riportare a casa i militari il più rapidamente possibile.

Natalya Zaritskaya, la moglie di un soldato del reggimento Azov, ne ha parlato in un briefing speciale. Il Consiglio sarà una sorta di piattaforma tra i parenti e le autorità, che “terranno al passo” la questione del rilascio dell'esercito ucraino dalla prigionia e il rispetto di tutte le Convenzioni di Ginevra.

Oggi annunciamo la creazione del Consiglio delle mogli e delle madri dei difensori dell'Ucraina “Women of Steel”. Questo consiglio sarà un mediatore tra i parenti e le autorità. Sarà una potente forza pubblica e un raggio di luce nel preservare i valori umani”, ha sottolineato Natalia Zaritskaya.

Non solo i parenti dei difensori di Mariupol possono unirsi

Secondo Zaritskaya, ora c'è una grave mancanza di comunicazione tra le persone i cui parenti sono stati catturati e le autorità ufficiali. Stanno cercando di risolvere questo problema. Non solo i parenti di tutti i militari ucraini, ma anche chiunque sia interessato può entrare a far parte del Consiglio.

L'organizzazione controllerà il rilascio non solo dei difensori dall'Azovstal. Ma anche tutti i soldati ucraini.

Mariupol e il problema di “Azovstal” hanno mostrato solo un ampio strato di problemi che abbiamo. Alcune persone sono in cattività da 9 anni; ci sono persone ricercate da anni; e c'è chi è nelle carceri russe da anni. Ecco perché abbiamo creato il Consiglio delle mogli e delle madri di tutti i difensori dell'Ucraina”, osserva Natalia Zaritskaya.

È particolarmente piacevole che le persone siano pronte ad aderire a questa iniziativa. Da oggi fino all'ora di pranzo, Natalia ha già ricevuto 48 chiamate che le chiedevano di entrare a far parte dell'organizzazione.

È convinta che presto il Consiglio avrà più di mille famiglie. Secondo lei, c'è una massa critica di persone pronte a unirsi su questo tema in ogni regione dell'Ucraina.

Aggiungiamo che l'esercito russo continua a morire ad Azovstal. Uno degli occupanti si è fatto esplodere mentre sminava l'impianto. In precedenza, il 25 maggio, si è verificata una situazione simile: solo allora due invasori russi sono stati fatti saltare in aria. E il giorno prima, altri quattro genieri si sono imbattuti in una miniera lì.

Il fotografo dell'Azovstal Dmitry Kazatsky è tornato dalla prigionia russa

< p _ngcontent- sc89="" class="news-annotation">Il difensore ucraino Dmitry "Orest" Kazatsky è tornato dalla prigionia russa. La notizia è in fase Read more

Sullo sfondo di enormi code ai confini con la Federazione Russa, la Finlandia prevede di limitare l'ingresso ai russi

Il paese prevede di limitare l'ingresso dei russi o impedirlo completamente. La Finlandia sta adottando misure per impedire l'ingresso di Read more

Leave a Reply

five × 4 =