Sogni o una vera guerra sono stati sognati nel reparto di terapia intensiva: Dmitry è sopravvissuto durante l'attacco missilistico a Kharkov

In terapia intensiva ho fatto sogni o una vera guerra: Dmitry è sopravvissuto durante l'attacco missilistico a Kharkov

Dmitry è stato ferito durante l'attacco missilistico a Kharkov/Channel 24

La Russia ha attaccato Kharkov il primo giorno di guerra. I bombardamenti di ogni tipo di equipaggiamento coprì improvvisamente e crudelmente la città e gli abitanti. Era pericoloso rimanerci dentro: molti hanno cercato di andarsene immediatamente. Ma questo non era sempre possibile: spesso il nemico era troppo vicino, le esplosioni erano troppo forti e i rischi erano troppo alti.

  • 1Dmitry è stato gravemente ferito durante gli attacchi missilistici su Kharkov: guarda il video
  • 2Non ha avuto il tempo di correre a 20 metri dall'ingresso: come è stato ferito Dmitry
  • < li _ngcontent-sc99="">3Un frammento di un missile nemico gli trafisse il braccio e lo stomaco

  • 4Il vicino non era un medico, ma salvò la vita di Dmitrij
  • 5I russi colpire di proposito persone, quartieri residenziali
  • 6Dmitry vede ancora flashback e sogni dal giorno del bombardamento

Inoltre, non tutti volevano lasciare la città. Qualcuno sperava che tutto si fermasse rapidamente, o si rifiutava di andare per principio. Nel progetto SVOI raccontiamo le storie di persone che hanno lasciato la loro città natale per sfuggire alla guerra. La storia di oggi è in qualche modo diversa: si tratta di Dmitrij, che non aveva intenzione di evacuare da Kharkov, perché non voleva uscire di casa. Tuttavia, dovevano comunque andarsene, già feriti.

PROPRIO. Storie di chi è partito per tornare

Dmitrij ha detto che la guerra è iniziata per lui, come per la maggior parte dei Kharkoviti, ad alta voce. Quindi non è uscito di casa per un mese. Ho deciso che avrei aspettato gli attacchi russi, sarei andato al riparo, ma, alla fine, non mi aspettavo che i russi avrebbero bombardato le aree residenziali.

Sono rimasto a casa per un mese, non sono andato da nessuna parte – sono appena sceso dall'ingresso. Poi, quando è diventato più tranquillo, il 15 aprile, io e i miei amici siamo usciti a fare una passeggiata. Immediatamente vicino a casa mia ho sentito due forti spari, ho guardato il cielo e ho visto nuvole appena formate. Poi ha sentito una forte esplosione vicino a lui, ha iniziato a correre verso casa, ma non è riuscito a raggiungere l'ingresso a circa 20 metri, – Dmitry ricorda gli eventi di quel terribile giorno.

< p>In terapia intensiva ho fatto sogni o una vera guerra: Dmitry è sopravvissuto durante l'attacco missilistico a Kharkiv

Dmitry è stato ferito durante gli attacchi missilistici alle aree residenziali di Kharkov/Foto di Natalie Bodnar, Canale 24< /em>

Dmitry è stato colpito da un frammento di un missile russo esploso nelle vicinanze. Il ragazzo dice che era cosciente, ma non ha sentito nulla. Ricordo solo estratti di dialoghi e immagini, come da un film:

“Qui, un frammento mi ha colpito. Mi sono fermato, ho visto che c'era molto sangue sotto di me. Ho visto che anche il mio vicino correva. Gli ho detto:” Aiuto. “Ecco, mi ha preso il braccio e siamo corsi insieme all'ingresso “Siamo entrati, siamo scesi nel seminterrato. Mi ha prestato i primi soccorsi, mi ha messo dei lacci emostatici al braccio. Poi è arrivata l'ambulanza e hanno visto che un'altra scheggia mi è volata nello stomaco.”

Il frammento ha trafitto la mano di Dmitrij e ha colpito lo stomaco, vicino alla milza. Dmitry ha detto che l'ambulanza lo ha prontamente portato in ospedale, dove il ragazzo ha subito 2 operazioni. Dopo un po', lo trasferirono in un altro ospedale, dove rimase per 3 giorni, e poi annunciarono l'evacuazione da tutti gli ospedali di Kharkov.

Quindi Dmitrij, insieme ad altri pazienti e medici, fu evacuato da un treno medico per Leopoli. Gli specialisti di Leopoli gli hanno eseguito l'ultima operazione.

I medici hanno fatto tutto il possibile per rendere l'operazione riuscita. Mentre il ragazzo riceve le cure necessarie, la riabilitazione è avanti. Tuttavia, ciò non sarebbe stato possibile se non fosse stato per la solita indifferenza umana. È stato un vicino che è corso accidentalmente nelle vicinanze, scappando anche lui da un attacco aereo dei russi, che ha fornito le prime cure mediche a Dmitrij.

Tuttavia, prima di nascondersi all'ingresso o ripararsi, riuscì a raccogliere il ferito Dmitrij. In effetti, ha salvato la vita al ragazzo. Se fosse un medico, Dmitry non lo sa. Non sappiamo nemmeno come sia stato possibile reagire rapidamente e mettere un laccio emostatico sulla mano, da cui scorreva continuamente sangue. È ovvio che le regole del primo soccorso hanno funzionato. La capacità di applicare un laccio emostatico è di fondamentale importanza durante la guerra.

Dmitry dice di essere rimasto scioccato dal fatto che il suo vicino non abbia perso la testa e gli abbia abilmente fornito assistenza medica. Pertanto, sono infinitamente grato al mio soccorritore.

La terza operazione è stata eseguita su Dmitry a Leopoli. In vista del periodo di riabilitazione/Foto di Natalie Bodnar, Canale 24

In terapia intensiva ho fatto sogni o una vera guerra: Dmitry è sopravvissuto durante l'attacco missilistico a Kharkov

Ho sognato o una vera guerra in modalità intensiva care: Dmitry è sopravvissuto durante il bombardamento missilistico di Kharkov

In terapia intensiva ho fatto sogni o una vera guerra: Dmitry è sopravvissuto durante l'attacco missilistico a Kharkov

In terapia intensiva avevo dei sogni o una realtà guerra: Dmitry è sopravvissuto durante il bombardamento missilistico di Kharkov

In terapia intensiva ho fatto sogni o una vera guerra: Dmitry è sopravvissuto durante l'attacco missilistico a Kharkov

Insieme a Dmitry, i suoi amici sono andati a fare una passeggiata. Erano tutti insieme quando è iniziato il bombardamento. Un altro giovane è stato ferito: un frammento ha colpito la sua gamba. Fortunatamente, è sopravvissuto. Il terzo del gruppo di ragazzi non è rimasto ferito.

Non c'erano strutture militari o infrastrutture nelle vicinanze. A destra ci sono edifici residenziali, a sinistra un parco. Pertanto, i russi miravano alle persone. Non ci sono altre spiegazioni per l'attacco.

Abbiamo chiesto a Dmitrij perché non avesse lasciato la città con lo scoppio della guerra. Dice che non voleva partire, lasciare il paese e la sua città natale. Quando furono costretti a evacuare nell'ovest dell'Ucraina, mia nonna se ne andò con Dmitrij. Era impegnata a crescere un ragazzo, è la persona più vicina.

“Non me l'aspettavo…”, – ammette Dmitry.

La nonna ha spiegato che il ragazzo sì non credere all'invasione russa. Dopotutto, lui stesso è nato lì, a Irkutsk.

La madre di Dmitry è morta in un incidente d'auto quando lui aveva un anno e mezzo. La nonna di 4 anni ha portato suo nipote dalla Russia a Kharkov. Quindi Dmitry ha parenti nel paese aggressore. Tuttavia, non comunicano e non l'hanno mai fatto.

Dmitry dice che ora si sente al sicuro, ma relativo. Abbiamo registrato la nostra conversazione il giorno dopo l'attacco missilistico a Leopoli. Nonostante il fatto che il ragazzo non abbia sentito i suoni delle esplosioni, quando ha saputo dell'attacco, è andato nel panico. Dice che a volte è difficile per lui sentire il limite della realtà della guerra.

Quando ero ancora in terapia intensiva, ho avuto dei flashback, ho fatto dei sogni su come è successo tutto in effetti, e poi si è riconciliato sul fatto che questo non era un sogno, – ha detto Dmitry.

Dice che spera di tornare a Kharkov quando tutto sarà finito. Certo, crede nella nostra vittoria e vuole solo rimettersi in piedi.

Dmitry ha aggiunto che questo è banale, ma non la pensiamo così. Non c'è niente di banale in queste parole profonde. La guerra ha insegnato agli ucraini ad apprezzare le cose davvero importanti.

Nessun attacco nemico ucciderà la nostra fiducia in un futuro migliore. Nessun attacco spezzerà il nostro sogno di un'Ucraina libera e di una nazione sana e felice.

Durante l'allarme nella regione di Kharkiv, si sono sentite esplosioni, il nemico ha sparato su Manganets nella regione di Dnipropetrovsk

Sono state udite esplosioni nelle regioni di Kharkiv e Dnipropetrovsk/Canale 24La notte dell'8 agosto, molto probabilmente gli occupanti hanno attaccato Read more

“Qui ci sarà terra russa o un deserto bruciato”: il comandante del nemico allo ZNPP è rimasto scioccato dalla dichiarazione

Gli occupanti hanno rilasciato una dichiarazione scioccante/Collage di Channel 24un comandante russo ha rilasciato una dichiarazione sulla centrale nucleare di Read more

Leave a Reply