L'integrità territoriale deve prevalere, – Tokayev sulla dichiarazione sul mancato riconoscimento dei militanti nel Donbas

L'integrità territoriale deve prevalere, – Tokayev sulla sua dichiarazione sul non riconoscimento dei militanti nel Donbas

Tokaev ha spiegato la sua dichiarazione sul non riconoscimento delle quasi-repubbliche nel Donbas/liga. net

Il presidente del Kazakistan Kassym-Jomart Tokayev ha spiegato la sua dichiarazione sul mancato riconoscimento delle quasi-repubbliche nei territori temporaneamente occupati delle regioni di Donetsk e Luhansk. In particolare, ha notato la priorità dell'integrità territoriale.

Kassym-Jomart Tokayev lo ha affermato durante un discorso al Forum economico del Qatar il 21 giugno. Il presidente del Kazakistan ha preso atto del sostegno all'integrità territoriale dell'Ucraina.

L'integrità territoriale è la cosa principale

Kassym-Jomart Tokayev, spiegando la sua dichiarazione del Forum economico di San Pietroburgo, ha osservato che la cosa principale è l'integrità territoriale. Questo è il motivo per cui il Kazakistan non riconoscerà le quasi-formazioni.

Esprimendo il nostro approccio all'integrità territoriale degli stati, io, ovviamente, avevo in mente il principio fondamentale di la Carta delle Nazioni Unite. A mio parere, l'integrità territoriale degli stati dovrebbe prevalere”, ha sottolineato Tokayev.

Commentando la guerra in Ucraina, Tokayev ha parlato della necessità di riprendere il processo negoziale. Definendosi amico dell'Ucraina e della Russia, il presidente del Kazakistan si è detto pronto a fornire opportunità per i negoziati.

È vero, Tokayev non ha mai definito la guerra in Ucraina una guerra. E alla fine dell'intervista si è detto felice di avere buoni rapporti con il dittatore russo Putin.

Dichiarazione di Tokayev sul non riconoscimento delle quasi-repubbliche

Durante un discorso al Forum economico di San Pietroburgo, organizzato dal Paese aggressore, il presidente kazako Kassym-Zhomart Tokayev ha affermato che non avrebbe riconosciuto i militanti nel Donbas. Inoltre, alla presenza di Putin, Tokayev ha chiamato entità nelle quasi-repubbliche ucraine del Donbas temporaneamente occupate.

La dichiarazione di Tokayev ha immediatamente suscitato scalpore, perché ha dichiarato il non riconoscimento delle quasi-entità direttamente alla Russia dittatore.

Oltre alle parole di Tokayev, il forum economico è stato ricordato anche dal prossimo fallimento di Putin. Cercando di pronunciare il nome e il patronimico del presidente kazako – Kassym-Zhomart Kemelevich – il capo del Cremlino si è nuovamente disonorato e ha emesso una serie di suoni. È interessante notare che il problema della pronuncia del nome di Tokaev da parte del dittatore del Cremlino va avanti da almeno sei mesi.

Un'altra forte affermazione di Tokaev

Sostenitore di Putin e capo della Cecenia Ramzan Kadyrov ha attaccato i membri dell'Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva con l'accusa che “la Russia ha salvato tutti”, ma ora i membri della CSTO non li stanno aiutando. Kadyrov ha ricordato anche le proteste in Bielorussia e Kazakistan e la guerra nel Nagorno-Karabakh.

Tuttavia, la risposta di Tokayev non si è fatta attendere. Il presidente del Kazakistan ha osservato che durante le proteste del gennaio 2022, il Paese non è stato salvato dalla Russia, ma dalla CSTO.

A Uzhgorod, ignoti hanno dato fuoco all'auto del giornalista: sul caso indaga la polizia

A Uzhgorod sono state bruciate due auto parcheggiate nelle vicinanze, Subaru Forester e in parte Volkswagen Beetle, di proprietà di Read more

L'ucraina Ksenia Bailo è diventata campionessa mondiale di tuffi tra i junior

L'atleta ucraina di 16 anni Ksenia Bailo ha vinto la medaglia d'oro al Campionato mondiale di tuffi tra juniores, che Read more

Leave a Reply