Il tribunale della Repubblica Ceca non ha consentito l'estradizione in Ucraina del russo Franchetti coinvolto nell'occupazione della Crimea

Il tribunale della Repubblica Ceca non ha consentito l'estradizione in Ucraina del Franchetti russo coinvolto nell'occupazione della Crimea

Il tribunale della Repubblica Ceca non ha consentito l'estradizione del Il russo Franchetti in Ucraina/Collage di Channel 24

Il 23 giugno, un tribunale ceco ha rifiutato di estradare il russo Alexander Franchetti in Ucraina. Quest'uomo è stato coinvolto nell'occupazione russa della Crimea nel 2014.

Le forze dell'ordine ceche hanno arrestato Franchetti nel settembre dello scorso anno su richiesta dei servizi ucraini. Il motivo del rifiuto di estradare i giornalisti è stato spiegato dal presidente del tribunale di Praga, Adam Wenig.

Perché la Repubblica Ceca ha rifiutato di estradare il militante

h2>

dovrebbe essere trasferito in Ucraina a causa della situazione militare. Ad esempio, potrebbe danneggiare il sospetto.

Considerata la situazione militare in Ucraina, nonché le circostanze personali richieste (Franchetti – Canale 24), esiste una reale minaccia di violazione dei diritti garantiti dai trattati internazionali sui diritti umani e le libertà fondamentali, ha affermato il rappresentante della corte.< /p>

Inoltre, i giudici considerano giustificati i timori che Oleksandr Franchetti sarà soggetto a persecuzioni e all'aggravamento dei procedimenti penali in Ucraina. Hanno affermato che la cittadinanza russa del sospettato e la sua partecipazione diretta alle ostilità da parte di militanti filo-russi potrebbero portare a questo.

Di cosa è accusato Franchetti

L'attaccante è arrivato a Sebastopoli prima dell'occupazione della penisola. Ha accettato di unirsi alla “autodifesa” filo-russa della Crimea. Secondo i nostri servizi di intelligence, nei ranghi di questo raggruppamento, un uomo, in particolare, era impegnato a reprimere la resistenza della popolazione filo-ucraina nella regione.

Ha anche formato il gruppo di intelligence russo ” Vento del Nord”. Ogni giorno Franchetti dava istruzioni a 11 membri dell'organizzazione e consegnava le informazioni raccolte al comando delle forze navali russe.

Il russo è stato arrestato in aeroporto

Quando La Russia finalmente stabilì il suo “potere” sulla penisola, Franchetti da lì fuggì. Ben presto si seppe che lo scagnozzo del Cremlino era tornato nella Repubblica Ceca, dove viveva dal 2000. Si è trasformato in un blogger e in un ostinato critico del regime di Putin.

Nel 2019, non solo i servizi speciali ucraini, ma anche quelli cechi si sono interessati a questo personaggio. Già il 12 settembre 2021, sulla base di un mandato dell'Ucraina, un russo è stato arrestato all'aeroporto di Praga. Il giorno successivo, il nostro ministero degli Esteri ha annunciato che stava già negoziando il trasferimento del militante in Ucraina.

A Uzhgorod, ignoti hanno dato fuoco all'auto del giornalista: sul caso indaga la polizia

A Uzhgorod sono state bruciate due auto parcheggiate nelle vicinanze, Subaru Forester e in parte Volkswagen Beetle, di proprietà di Read more

L'ucraina Ksenia Bailo è diventata campionessa mondiale di tuffi tra i junior

L'atleta ucraina di 16 anni Ksenia Bailo ha vinto la medaglia d'oro al Campionato mondiale di tuffi tra juniores, che Read more

Leave a Reply