Gli invasori distrussero il granaio e distrussero il centro del villaggio nella regione di Dnipropetrovsk

Invasori distrutto il granaio e distrutto il centro del villaggio nella regione di Dnipropetrovsk

Gli invasori hanno bombardato la regione di Dnipropetrovsk il 30 giugno/Collage di Channel 24

L'esercito russo continua a bombardare la regione di Dnepropetrovsk. La mattina del 30 giugno il nemico distrusse il granaio, così come il centro del paese.

Lo ha annunciato il capo della Dnipropetrovsk OVA Valentin Reznichenko. Ha osservato che l'esercito russo non ferma il terrore di città e villaggi nella regione di Krivoy Rog.

C'erano 40 tonnellate di grano nel magazzino

La mattina del 30 giugno, gli invasori russi hanno sparato sulla comunità di Zelenodolsk. Per fare questo, il nemico ha usato una varietà di armi. Secondo Valentin Reznichenko, il nemico ha colpito il centro di Velikaya Kostroma. Di conseguenza, il villaggio fu distrutto.

Il nemico colpì anche Zelenodolsk. Gli invasori entrarono in un'impresa agricola. Gli invasori hanno letteralmente distrutto un magazzino dove erano immagazzinate 40 tonnellate di grano. Un'esplosione a seguito di un attacco nemico ha provocato un incendio.

Secondo le prime informazioni, c'erano nessuna vittima. Per quanto riguarda la situazione in altri distretti della regione di Dnipropetrovsk, lì tutto è calmo.

Presto la situazione fu commentata dal capo dell'amministrazione militare di Krivoy Rog Alexander Vilkul. Ha notato che la comunità di Zelenodolsk è stata attaccata dall'artiglieria e dall'MLRS. È noto che il nemico ha distrutto l'infrastruttura energetica. Per quanto riguarda l'incendio nel magazzino con il grano, i soccorritori lo stanno liquidando.

Il capo del Consiglio regionale di Dnipropetrovsk, Nikolai Lukashuk, ha espresso la sua indignazione per un altro attacco nemico. Ha sottolineato che non riusciva a capire cosa l'esercito russo stesse cercando di “smilitarizzare”. Dopotutto, il nemico non ha colpito il magazzino con le munizioni, ma con il grano.

Ricorda che l'altro giorno il nemico ha attaccato massicciamente la regione di Dnipropetrovsk. Il 28 giugno colpì sia il centro regionale che altri insediamenti.

Nel Dnepr il nemico distrusse la stazione di servizio

  • Gli “arrivi” lungo il Dnepr causarono il distruzione dell'infrastruttura ferroviaria e dell'impresa industriale. Alla stazione di servizio è scoppiato un incendio, che i soccorritori hanno spento e hanno iniziato a smantellare le macerie.
  • È noto che a seguito dell'attacco il nemico ha danneggiato quasi tre dozzine e mezzo di auto sulla territorio dell'impresa. Tre scatole sono state distrutte, oltre a diversi edifici a un piano e un hangar.
  • Presto ci sono state informazioni dal comando dell'Aeronautica Militare delle Forze Armate dell'Ucraina. Hanno notato che il nemico verso le 17:30 ha colpito la città con missili Calibre. Gli occupanti li lanciarono dal Mar Nero.
  • Si noti che l'oggetto dell'attacco di sei missili era proprio il Dnepr. Ma, fortunatamente, unità delle forze missilistiche antiaeree del comando Vostok sono riuscite ad abbatterne quattro nel distretto di Sinelnikovsky.
Gli ucraini sono avvisati di temporali e grandine: dove è stato annunciato un avviso di tempesta

Gli ucraini sono avvisati di temporali e grandine/Kyiv informativa Con l'inizio dell'invasione su vasta scala dell'Ucraina da parte della Russia, Read more

“La decantata difesa aerea non ha più funzionato”: due occupanti discutono di esplosioni in Crimea e rimproverano le autorità

gli occupanti discutono delle cause delle esplosioni in Crimea/Collage di Canale 24< p _ngcontent-sc86= "" class="news-annotation">Nella Crimea occupata il 9 Read more

Leave a Reply