I giornalisti hanno mostrato foto satellitari di Serpentine prima e dopo lo sciopero dell'APU

I giornalisti hanno mostrato foto satellitari di Zmeinoy prima e dopo lo sciopero dell'APU

Foto satellitari di Zmeinoy prima e dopo lo sciopero dell'APU/Collage di Channel 24

I difensori ucraini riuscirono finalmente a scacciare gli invasori russi da Snake Island. Ciò è avvenuto grazie al coraggio, all'abilità e, naturalmente, al potente equipaggiamento delle Forze armate ucraine.

Nonostante il fatto che gli invasori presentino la loro fuga dall'isola come un “gesto di buona volontà”, ciò è accaduto a seguito dei bombardamenti mirati di Zmeinoy da parte dei nostri combattenti.

Nel comando congiunto “Sud” è stato riferito in precedenza che i nostri combattenti hanno iniziato a sparare con precisione a Zmeinoy il 29 giugno verso le 14 :00. I bombardamenti sono continuati dal 29 al 30 giugno. I giornalisti hanno ricevuto 2 foto satellitari che mostravano la situazione sull'isola prima e dopo i bombardamenti.

Serpentine prima e dopo il bombardamento del 29-30 giugno/Foto “Schema”

I giornalisti hanno mostrato foto satellitari di Zmeinogo prima e dopo lo sciopero dell'APU

I giornalisti hanno mostrato foto satellitari di Zmeinogo prima e dopo lo sciopero APU

Il comando operativo “Sud” ha riferito che alle 14:00 Snake stava fumando, lì si sono sentite esplosioni. I risultati finali dell'accordo saranno conosciuti in seguito.

La Russia non può ammettere la sconfitta a Zmeiny

Gli occupanti russi lasciarono l'isola di Zmeiny, incapaci di resistere al fuoco della nostra artiglieria, ai razzi e agli attacchi aerei. Tuttavia, nella stessa Russia, queste informazioni sono state fornite come un “gesto di buona volontà”. Questa è la seconda volta che il Cremlino applica questa pratica. In precedenza, i propagandisti russi hanno espresso una retorica simile riguardo al ritiro dal nord dell'Ucraina.

Le dichiarazioni del ministero della Difesa russo dimostrano che gli occupanti non sanno come perdere. Al contrario, hanno ricominciato ad accusare l'Ucraina di aver provocato una crisi alimentare, perché presumibilmente il nostro paese non ha ripulito il Mar Nero, che la Russia aveva minato. Il paese aggressore afferma che “il completamento delle missioni di combattimento su Zmeinoye e un gesto di buona volontà” non consentirà di accusare Mosca di ostacolare le esportazioni di grano.

Il capo dell'ufficio del presidente, Andrei Yermak, ha reagito a tale ripieno dei russi sull'isola e la crisi alimentare. Ha sottolineato che sono state le forze armate ucraine a cacciare i russi dall'isola. Allo stesso tempo, la Russia sta facendo tutto il possibile per approfondire la crisi alimentare.

Fai attenzione! Il comandante in capo delle forze armate ucraine Valery Zaluzhny ha sottolineato che i russi non l'hanno fatto ” lasciare” Zmeinoye stessi, ma sono stati espulsi dai nostri difensori. L'obice semovente ucraino “Bogdan” ha svolto un ruolo importante nella liberazione dell'isola.

Il fotografo dell'Azovstal Dmitry Kazatsky è tornato dalla prigionia russa

< p _ngcontent- sc89="" class="news-annotation">Il difensore ucraino Dmitry "Orest" Kazatsky è tornato dalla prigionia russa. La notizia è in fase Read more

Sullo sfondo di enormi code ai confini con la Federazione Russa, la Finlandia prevede di limitare l'ingresso ai russi

Il paese prevede di limitare l'ingresso dei russi o impedirlo completamente. La Finlandia sta adottando misure per impedire l'ingresso di Read more

Leave a Reply

15 − 7 =