“E poi chi creerà la pace qui?”: Orban sul perché è contrario alle sanzioni contro il patriarca Kirill

< strong>Il primo ministro ungherese Viktor Orban, che ha una posizione filo-russa, commentando la sua posizione sulle sanzioni contro il capo della Chiesa ortodossa russa, il patriarca Kirill, ha affermato che i leader della chiesa dovrebbero negoziare la pace in Ucraina.

Il leader ungherese ritiene che la decisione giusta sia che l'UE non abbia raggiunto un accordo sulle sanzioni contro il sacerdote di Putin, il patriarca Kirill, poiché, a suo avviso, la Chiesa ortodossa giocherà un ruolo chiave nel “lungo termine risoluzione del conflitto” in Ucraina.

Orban lo ha affermato durante la sua visita in Austria durante un briefing, scrive Telex.

Ecco perché, come ha sottolineato, le sanzioni dovrebbero essere evitate e contro i capi della chiesa. “Chi dunque creerà la pace qui?” – ha osservato Orban.

Orban ha anche osservato che l'Unione Europea “ha raggiunto il tetto” – ovvero l'embargo sul gas russo, che, secondo lui, deve essere evitato.

Ricordiamo, alla vigilia di Orban ha rilasciato una dichiarazione ad alta voce, dicendo che era contrario a “mischiare le razze”. Ha detto che le gare europee non dovrebbero essere combinate con quelle non europee. Successivamente, ha giustificato le sue parole, dicendo: “la nostra civiltà deve essere salvata”.

Pubblicità

Il nemico sta cercando di riprendere l'offensiva su Peski, i combattimenti continuano

L'esercito ucraino continua a distruggere il nemico/Collage di Channel 24 proteggere l'Ucraina dagli invasori. Il nemico cerca di riprendere le Read more

Arestovich ha annunciato il numero di aerei nemici con base a “Saki” al momento dell'esplosione

C'erano dozzine di aerei all'aeroporto di Saki/collage di Channel 24Il 9 agosto si è sentita una serie di esplosioni nella Read more

Leave a Reply