Le informazioni sulle persone uccise a Yelenovka saranno trasmesse direttamente ai parenti dalla Croce Rossa

Le informazioni sulle persone uccise a Yelenovka saranno trasmesse direttamente ai parenti dalla Croce Rossa

Le informazioni sulle persone uccise a Yelenovka saranno trasmesse dalla Croce Rossa ai parenti/”Suspіlne”

L'Ucraina non ha ancora ricevuto gli elenchi dei soldati morti a Yelenovka. La Croce Rossa trasmetterà le informazioni direttamente ai parenti.

ShareFbTwiTelegramViberShareFbTwiTelegramViber

Il commissario per i diritti umani di Verkhovna Rada, Dmitry Lubinets, lo ha affermato in onda al telethon, riporta Channel 24. Ha chiesto la restituzione dei corpi dei soldati morti a Olenivka.

Lubinets ha osservato che i parenti dovrebbero prima di tutto rivolgersi alla Croce Rossa. Le informazioni su un determinato prigioniero vengono trasmesse solo ai parenti.

Le autorità ucraine hanno solo dati sui morti e sui feriti.

Gli elenchi degli infedeli non possono essere confermati

Gli occupanti hanno pubblicato un elenco dei nomi dei feriti e dei morti a seguito di azioni terroristiche a Olenovka. Il servizio di patrocinio dei difensori di Mariupol ha dichiarato di non poter confermare o smentire questi rapporti. Nessuna istituzione internazionale o ucraina può farlo. La loro autenticità è in corso di verifica.

I nomi dei feriti e dei morti di Olenovka vengono segnalati individualmente alle famiglie.

L'omicidio di Olenovka: cosa si sa

  • Il 28 luglio, la Russia ha bombardato l'ex colonia n. 120 sul territorio della Yelenovka temporaneamente occupata. C'erano 190 persone lì: civili ucraini e difensori catturati di Mariupol.
  • Il presidente Volodymyr Zelensky ha detto che più di 50 ucraini sono stati uccisi. Altri 130 sono rimasti feriti.
  • Gli invasori stanno cinicamente cercando di scaricare la colpa sulle forze armate ucraine.
Ogni “Calibro” abbattuto è vite salvate: la cosa principale dall'indirizzo di Zelensky per l'8 agosto

Zelensky si è rivolto agli ucraini/OPVladimir Zelensky ha affermato che dopo la guerra non ci dovrebbero essere conflitti fumanti o Read more

Leave a Reply