L'Ucraina sarà alla gola: qual è la maledizione delle risorse di Putin

L'Ucraina sarà in gola: qual è la maledizione delle risorse di Putin

La Russia non sarà salvata dalla disponibilità di risorse/Segodnya.ua

La maledizione delle risorse crea strutture statali, ma provoca anche danni a lungo termine. Leggi un adattamento di un'analisi di un professore di uno degli istituti di ricerca più prestigiosi della Germania sulle caratteristiche economiche delle politiche russe e le conseguenze.

ShareFbTwiTelegramViberShareFbTwiTelegramViber

Dietro la guerra omicida in Ucraina, provocata da Vladimir Putin, si annidano profondi conflitti economici e sociali, professore emerito ed ex direttore del Dipartimento per il mercato del lavoro e le politiche dell'occupazione presso il Centro di ricerca per la ricerca sociale di Berlino Günther Schmid.

Dare al presidente russo una comprensione inequivocabile, anche con mezzi militari, che la guerra deve finire rapidamente è una faccia della medaglia e, certo, il più attuale adesso, – dice il professore

Ma un altro, e non meno rilevante, è la necessità di una riorganizzazione globale delle relazioni commerciali.

L'esempio dell'Africa

Molti paesi dell'Africa, in primis la Nigeria, sono modelli esemplari. Le loro enormi riserve di preziose materie prime (ad esempio petrolio, gas, oro) contribuiscono alla creazione di monostrutture economiche.

Le entrate di queste risorse sono solitamente monopolizzate e rendono i governi corrotti. In Russia, questo è più o meno lo stesso di quello che lo storico economico russo Alexander Etkind ha spiegato e valutato in termini di economia politica: “Le enormi entrate delle società controllate dallo stato dalle risorse di petrolio e gas significano che una parte significativa del bilancio statale non dipende da detrazioni fiscali per i cittadini.”

Questi redditi, a loro volta, sono instabili, in quanto dipendono dal prezzo sul mercato mondiale; per i cittadini sono opachi e segreti. Pertanto, l'élite può arricchirsi a spese delle entrate petrolifere. La bassa intensità di lavoro rende gli stati del petrolio e del gas ampiamente indipendenti dalla popolazione.

Terra degli uomini

Lo sfruttamento delle risorse minerarie, insieme all'industria della difesa, è un settore economico con la più forte disparità di genere.

All'uno per cento della popolazione impiegata nell'industria del petrolio e del gas, è necessario aggiungere un altro cinque per cento protetto da gasdotti e flussi di cassa degli oligarchi. Quasi tutti i soldati, ufficiali e guardie sono uomini. A questi macho del petrolio e del gas va aggiunto un folto gruppo di avvocati; in Russia si tratta dell'uno per cento della popolazione, quattro volte di più che in Germania, che non è impegnata a creare capitale produttivo per conto dello stato, ma a proteggere banche e oleodotti, proteggere i confini dai nemici e proteggere l'élite dalla popolazione.< /p>

Questa è una risorsa, la maledizione non solo crea strutture statali, ma causa anche danni a lungo termine alla competitività.

Negli ultimi due decenni, lo sviluppo economico e sociale della Russia è rimasto molto indietro rispetto a quello del “Ovest” (con l'eccezione di alcuni paesi asiatici). La Russia rischia di diventare un paese in via di sviluppo (quando il tenore di vita è nella media, il PIL è inferiore a quello dei paesi altamente sviluppati del mondo – canale 24).

Il nemico sta cercando di riprendere l'offensiva su Peski, i combattimenti continuano

L'esercito ucraino continua a distruggere il nemico/Collage di Channel 24 proteggere l'Ucraina dagli invasori. Il nemico cerca di riprendere le Read more

Arestovich ha annunciato il numero di aerei nemici con base a “Saki” al momento dell'esplosione

C'erano dozzine di aerei all'aeroporto di Saki/collage di Channel 24Il 9 agosto si è sentita una serie di esplosioni nella Read more

Leave a Reply