Abbiamo a che fare con il male assoluto, – Feygin ha paragonato le azioni di Mosca alle tattiche dell'ISIS

Abbiamo a che fare con il male assoluto, – Feygin ha paragonato le azioni di Mosca alle tattiche dell'ISIS

Uccidere prigionieri a Olenovka/collage di Channel 24

Negli ultimi giorni, gli ucraini hanno visto per la prima volta un video della brutale tortura di un prigioniero di guerra ucraino da parte dell'aggressore russo. Successivamente, c'è stato un attacco terroristico alla colonia di Olenovsky. Ciò che il Cremlino sta cercando di ottenere – leggi nell'articolo.

ShareFbTwiTelegramViberShareFbTwiTelegramViber

Dobbiamo notare che tutto questo non è un caso. L'attivista russo per i diritti umani Mark Feygin ne ha parlato su canale 24.

Ha notato che l'abbiamo già visto a Bucha e Vinnitsa: i russi stanno delineando diverse opzioni. Tutto questo è un atto di terrore militare o atti di sadismo pubblico e genocidio.

Le tattiche della Russia

“Appare un video che mostra la castrazione, l'omicidio di un militare delle Forze armate ucraine. Cosa può causare nei ranghi delle Forze armate ucraine? È ovvio che nessuno sarà fatto prigioniero, ma è chiaro cosa faranno .Non ci può essere altra reazione.Anche chi è il più grande “umanista nell'esercito, non dirà che” questo non è possibile. Ciò causerà una crudeltà di una portata incredibile”, ha commentato Mark Feygin.

Ha notato che questo sadismo non è associato a nessuna Convenzione di Ginevra. Allo stesso tempo, è anche filmato e pubblicato sui social network.< /p>

Secondo l'attivista russo per i diritti umani, questo non è casuale. E la conferma arriva il giorno dopo, quando i russi fanno saltare in aria la colonia di Olenovka.

Sembra che non riescano a fermarsi. Una madre e un bambino sono stati uccisi a Odessa, qualcosa è stato fatto saltare in aria a Kiev… C'è anche Kremenchug, Vinnytsia! E non si fermano. Quale di questi si può concludere? Probabilmente tale da farlo deliberatamente. Di conseguenza, hanno fiducia che questo è il modo in cui dovrebbe essere. Stanno perseguendo un obiettivo pubblico molto importante”, ha affermato Mark Feigin.

L'attivista russo per i diritti umani ritiene che tali azioni abbiano 2 obiettivi.

  • Per uso interno. In particolare con Alenovka, mostrano i loro “giubbotti trapuntati” che “ci hai chiamato” troppo umano in relazione all'”Azov”, ma no, abbiamo ucciso 50 persone. L'hai chiesto, le abbiamo uccise.”
  • Per l'esterno. Forse vogliono più crudeltà. Ne hanno bisogno in modo che questa crudeltà reciproca li eguagli con l'Ucraina. Allora si potrà dire: “Gli ucraini sono come noi”, “non siamo peggio degli altri”.

Tattiche dell'ISIS

Mark Feigin ha ricordato l'ISIS, che si è scusato per la violenza a un popolo così terrificante. Tutti questi atti di bruciare, gettare persone sulle sedie dalle case a testa in giù. Era importante per loro mostrare questa violenza in pubblico.

Per che cosa? Ciò ha provocato un contraccolpo. C'è chi ha paura, chi è insensibile, chi ha il desiderio di sostenere tutto questo: “Aderiamo anche all'Isis, per non diventare io stesso un oggetto”, ha spiegato Mark Feygin.

ISIS

strong > è uno stato terrorista islamista non riconosciuto. Persegue l'obiettivo di espandere la sua influenza sull'intero globo, indipendentemente dalle vittime umane.

Quali sono gli obiettivi della tortura pubblica

“Hanno bisogno di un nuovo ciclo di escalation per motivare meglio le loro azioni, poiché così come per ritrarre l'Occidente. Quindi, come ha fatto l'ISIS. E in modo che questa immagine sia reciproca. In modo che le persone abbiano paura di avvicinarsi a questo – stiamo parlando di partner occidentali”, ha spiegato Feigin.

Secondo lui, un altro obiettivo è che l'Occidente dica: “Finiamo tutto questo più velocemente, basta con questi segmenti, già le castrazioni. Non litighiamo e contrattare sul prezzo. Non abbiamo bisogno di questa immagine che ci raggiunge in Occidente e crea problemi tra i nostri potenziali elettori.

Penso che Mosca si stia aggrappando alle tattiche dell'ISIS. Non sono sicuro che questo vedrà il suo risultato, ha detto Feygin.

“Sono già andati così lontano che il giorno in cui non sono stati riconosciuti come “paese sponsor del terrorismo” dal giorno in cui saranno riconosciuti sarà diverso in modo insignificante. Ogni nuovo crimine sostituisce il precedente”, ha sottolineato l'attivista russo per i diritti umani.

< p> Ha aggiunto di guardare con scetticismo all'espulsione dei difensori del Mariupol. Capì, in fondo, che si trattava di un male assoluto, con il quale era impossibile mettersi d'accordo su qualsiasi cosa. Può essere solo distrutto. Nessuna ONU, nessun intermediario della Croce Rossa: non si raggiungerà nulla e le garanzie sono inutili.

Guarda il video completo con Mark Feigin su Yelenovka:

Cosa si sa sul bombardamento della colonia di Olenivka

  • Il Ministero della Difesa russo ha dichiarato che in la colonia nella Yelenovka occupata, nella regione di Donetsk 40 prigionieri di guerra ucraini furono uccisi. Altri 75 combattenti sono rimasti feriti. Allo stesso tempo, le forze armate ucraine sono accusate del crimine.
  • Il consigliere del capo dell'ufficio del presidente Mykhailo Podolyak ha reagito alla sanguinosa provocazione della Russia nella Yelenovka temporaneamente occupata sulla sua pagina del telegramma e ha analizzato il terribile tragedia punto per punto.
  • Tutti i soldati ucraini tenuti prigionieri nel centro di detenzione preventiva a Yelenovka erano nella lista della Croce Rossa. Gli infedeli russi non potevano giustiziarli in segreto, quindi hanno escogitato un'altra opzione crudele.
  • Il servizio di sicurezza dell'Ucraina è riuscito a intercettare la conversazione di due infedeli russi sul massacro di prigionieri a Olenivka. Uno degli invasori afferma che la propaganda russa sta mentendo, che non c'è stato alcun “bombardamento delle forze armate ucraine” e che sono stati gli stessi russi a commettere il crimine.
Un nuovo attacco delle forze armate ucraine ha sventato i tentativi della Russia di riparare il ponte Antonovsky: video di nuova distruzione

Il nuovo sciopero dell'UAF ha contrastato i tentativi della Russia di riparare il ponte Antonovsky/Collage di Canale 24L'esercito ucraino la Read more

A Zaporozhye i collaboratori stanno già replicando una “istruzione” sulla preparazione di un “referendum”

Gli occupanti si preparano a tenere un "referendum" a Zaporozhye/Foto pubblicata dal collaboratore BalitskyAnche Melitopol si sta preparando per un Read more

Leave a Reply