Operazione Retribution: l'Azerbaigian ha bombardato un'unità militare e ha preso il controllo delle alture del Nagorno-Karabakh

Operazione Retribution: l'Azerbaigian ha bombardato un'unità militare e ha preso il controllo delle alture del Nagorno-Karabakh

Il 3 luglio, l'Azerbaigian ha annunciato un antiterrorismo operazione “Retribuzione” nel Nagorno-Karabakh.

Questa è una risposta al bombardamento delle posizioni azere da parte dell'esercito armeno dalle posizioni in cui si trovavano i “peacekeeper” russi.

Questo è stato riferito dal Ministero della Difesa dell'Azerbaigian, scrive haqqin.az.

L'esercito azerbaigiano riferisce che l'operazione antiterrorismo è iniziata in risposta a “provocazioni da parte di gruppi armati illegali armeni sul territorio dell'Azerbaigian, dove Le forze di pace russe sono temporaneamente di stanza.”

“Membri di formazioni armate armene illegali sul territorio dell'Azerbaigian, dove il contingente russo di mantenimento della pace è temporaneamente dispiegato, violando gravemente le disposizioni della Dichiarazione Trilaterale del 10 novembre 2020, ha effettuato un'operazione di sabotaggio terroristico contro unità dell'esercito azerbaigiano il 3 agosto. A seguito della provocazione, il soldato Anar Kazimov è morto e ha tentato di catturare l'altezza della catena montuosa di Gyrkhgyz, che copre il territorio di Kelb Adjarian e Lachin e stabilirvi nuove posizioni di combattimento”, si legge nel messaggio.

Pubblicità

Ogni “Calibro” abbattuto è vite salvate: la cosa principale dall'indirizzo di Zelensky per l'8 agosto

Zelensky si è rivolto agli ucraini/OPVladimir Zelensky ha affermato che dopo la guerra non ci dovrebbero essere conflitti fumanti o Read more

Leave a Reply