Trojan Shredder of the World: l'amico di Putin ha espresso le condizioni del Cremlino per porre fine alla guerra in Ucraina

Trojan Schroeder del mondo: l'amico di Putin ha espresso le condizioni del Cremlino per porre fine alla guerra in Ucraina

Gerhard Schroeder ha espresso la volontà di Mosca/stern.de

L'ex cancelliere Gerhard Schroeder ha visitato Mosca alla fine di luglio, ha incontrato Vladimir Putin e ha espresso la “lista dei desideri” russa – in effetti, le condizioni in cui il Cremlino accetta di smettere di uccidere gli ucraini e di “congelare la guerra”.

ShareFbTwiTelegramViberShareFbTwiTelegramViber

Dichiarazione Schroederformalmente ha segnali di iniziativa privata, perché non è stato ascoltato nemmeno in conferenza stampa, ma in un'intervista al settimanale Stern e al canale n-tv. Anche la Russia ufficiale non ha commentato in alcun modo le parole di Schroeder, ma è ovvio che il pensionato di 78 anni lo ha fatto per una ragione. I giornalisti non hanno posto domande difficili all'ex politico, e ora al lobbista aperto degli interessi dello stato aggressore della Russia, ma gli hanno offerto una comunicazione in forma di monologo. Di cosa parla Schroeder, cosa offre Putin e cosa c'è tra le righe – leggi l'articolo su Canale 24.

Cosa vuole Putin

Secondo Schroeder, la Russia è pronta per i negoziati e lo sblocco delle esportazioni di grano ucraine ai colloqui di Istanbul potrebbe essere il primo segno di futuri accordi di pace.

La buona notizia è che il Cremlino vuole una soluzione negoziata. C'è già stato un approccio negoziato al conflitto tra Ucraina e Russia, ad esempio a Istanbul a marzo. I turchi furono molto utili in quanto coinvolti nelle trattative per la fornitura di grano. Finora questo è molto utile. Il primo successo è l'accordo sul grano, potrebbe essere possibile espanderlo lentamente fino a un cessate il fuoco. – è così che Schroeder ha finto di essere una colomba della pace in un'intervista ai media tedeschi.

È interessante che Schroeder definisca la guerra in Ucraina un “errore del governo russo” e sottolinea che un accordo pacifico richiede “concessioni da entrambe le parti”.

Trojan Schroeder del mondo: l'amico di Putin ha espresso le condizioni del Cremlino per porre fine alla guerra in Ucraina

Schroeder e Putin sono stati a lungo considerati amici/Foto di Getty Images

Crimea

Schroeder ha ripetuto il mantra di Putin su Krusciov, che ha dato la Crimea all'Ucraina, ha ricordato la maggioranza russa e la I tartari (ma hanno dimenticato che ora sono perseguitati crudelmente in Crimea) e hanno sottolineato che è impossibile per l'Ucraina restituire la Crimea con mezzi militari. E quindi – devi negoziare.

È interessante notare che, secondo Schroeder, la Crimea non è più una linea rossa per la Russia, ma può tornare in Ucraina in un modo simile a come Hong Kong è tornata al dominio cinese, ancora più velocemente.

In linea di principio, questa opzione è stata offerta dall'Ucraina durante i negoziati di primavera con gli occupanti, quando ha proposto di tornare sulla questione della penisola tra 15 anni. Quindi i russi hanno respinto con rabbia queste proposte e, dopo che sono stati accertati i fatti del genocidio degli ucraini nella regione di Kiev, Kiev si è ritirata dai negoziati. Ora i russi stanno suggerendo con la bocca di Schroeder che sogneranno un'opzione del genere.

Certo, questo è un “discorso” banale: l'ex politico non sembra capire i processi in corso in Hong Kong, altrimenti non ha usato questo esempio.

Cantons of Donbass

Parlando del Donbass, Schroeder ha menzionato gli accordi di Minsk e che le terre ora occupate dalla Russia dovrebbero tornare sotto il controllo di Kiev, ma a condizioni di “federalizzazione”. L'ex politico 78enne la vede come qualcosa di simile ai cantoni svizzeri (qui, a quanto pare, Surkov non ne era privo).

A proposito, questo contraddice fondamentalmente la posizione della Russia, che ha riconosciuto ufficialmente i separatisti del Donbass e che ha anche aperto missioni diplomatiche di questi quasi-gruppi a Mosca. In effetti, nella voce di Schroeder, la Russia ha mostrato che tutte le sue affermazioni sulla protezione dell'inesistente “popolo del Donbass” sono finzione. E negoziabile.

Neutralità militare e bla bla bla

Schroeder ha anche ricordato come il suo successore, Angela Merkel, abbia bloccato l'integrazione euro-atlantica nel 2008 definendola una decisione saggia.

Per l'Ucraina, Schroeder ha visto una possibile versione non allineata dell'Austria. Ma l'Austria non è nella zona di distruzione di cannoni e “calibri” russi, ma il signor Schroeder, ovviamente, non dice nulla al riguardo, ma per qualche ragione questi momenti non erano interessati ai giornalisti.

In linea di principio, niente di nuovo: nella primavera del 2022, l'Ucraina era pronta per questo ed era attivamente alla ricerca di opzioni per garantire la sua sicurezza e i suoi garanti tra i paesi influenti. Ma il processo negoziale è stato interrotto quando è diventato chiaro che si trattava solo di dichiarazioni. La Russia ora sta cercando disperatamente di salvare la faccia e quindi sta influenzando lo spazio informativo dei suoi agenti. Come Schroeder. Il suo compito è far capire a tutti che non è la Russia a chiedere la pace, ma Schroeder, a nome dell'Europa o degli industriali tedeschi condizionati, lo chiede alla Russia.

Ricatto del gas

Altrimenti farà freddo. Così, l'ex cancelliere del Bundescan ha dedicato la parte del leone del suo monologo ai giornalisti tedeschi al tema del Nord Streams. Come sapete, la certificazione del Nord Stream 2 è stata interrotta dopo l'invasione russa, e il Nord Stream è stato temporaneamente fermato dalla Russia stessa, e quindi ha limitato notevolmente il volume di gas pompato come ricatto in Europa e Germania, principalmente per avere leva finanziaria.< /p>

Se non vuoi usare Nord Stream 2, dovrai affrontarne le conseguenze. E saranno enormi in Germania”, ha detto Schroeder ai giornalisti di Stern.

Schroeder ne parla direttamente.

Dice anche che esiste una soluzione al problema – vale la pena essere d'accordo con la Russia. Naturalmente, non dice che questo è un accordo con il diavolo. Non rappresentava un dilemma morale per lui da circa 20 anni.

Quando le cose si fanno davvero strette, questo gasdotto è lì, e con entrambi i gasdotti non ci saranno problemi di approvvigionamento per l'industria tedesca e le famiglie tedesche, Schroeder ha definito la ricetta del “miglioramento”.

Quale sarà il prezzo, tace l'ex cancelliere, ma questa dovrebbe essere senza dubbio la revoca delle sanzioni contro l'aggressore.

Cosa significa tutto questo?

Le sanzioni fanno male, la Russia ha bisogno di una tregua, ma di fatto il conflitto è congelato, l'avventura militare russa in Ucraina è fallita, è impantanata quaggiù, subisce perdite pazzesche e di conseguenza perde centinaia di milioni di dollari, se non miliardi ogni giorno di sanzioni che hanno causato danni irreparabili all'economia di questo sottopotere.

L'ultima speranza è il ricatto del gas. La vecchia fiaba sugli ucraini “congelati senza gas russo”, a noi nota dagli anni '90, è stata ora portata in Europa.

È positivo che l'Europa lo capisca già. Quindi, il presidente del Comitato di difesa del Bundestag, Marie-Agyness Strack-Zimmermann, ha esaminato attentamente Schroeder e il suo immaginario pacificatore.

Ascolto più seriamente a quello che dice il signor Lavrov, piuttosto che a quello che dice l'ex cancelliere – Marie-Agyness Strack-Zimmermann ha ricordato che il ministro degli Esteri russo ha recentemente spiegato in modo cannibalistico che l'obiettivo della Russia è cambiare il regime a Kiev.

Quindi, la proposta di Schroeder di dimenticare il genocidio degli ucraini e i numerosi crimini di guerra dei russi in Ucraina, lanciare Nord Stream 2 e vivere alla vecchia maniera, non ingannerà nessuno.

Schroeder – Medvedchuk dalla Germania – guarda il video:

La situazione a Bakhmut si sta deteriorando, ci sono più bombardamenti, – vicesindaco

La situazione a Bakhmut è molto difficile/Collage 24 canali< strong _ngcontent-sc85= ""> Gli invasori russi non smettono di cercare di Read more

Taiwan afferma di aver trovato 66 aerei cinesi e 14 navi dentro e intorno allo stretto

Ci sono 66 aerei e 14 navi cinesi/Xinhua nello stretto di Taiwan< p _ngcontent-sc85="" class="news-annotation">La situazione intorno a Taiwan rimane Read more

Leave a Reply