Altre 50mila tonnellate: nuove navi con grano dovrebbero lasciare i porti ucraini il 5 agosto

Altre 50mila tonnellate: nuove navi con grano dovrebbero lasciare i porti ucraini il 5 agosto

Il 5 agosto nuove navi con grano dovrebbero lasciare i porti ucraini/Collage 24 canali

La Turchia ha confermato che altre tre navi da carico secco con grano dai porti ucraini partiranno presto. Il movimento sicuro delle navi dovrebbe essere garantito il 5 agosto.

ShareFbTwiTwiTelegramViberShareFbTwiTwiTelegramViber

Lo ha affermato il ministro della Difesa turco Hulusi Akar, che ha già discusso del trasporto con il suo omologo ucraino Alexei Reznikov. Il giorno prima, anche il ministro degli Esteri ucraino Dmitry Kuleba ha parlato della prontezza delle navi per la spedizione.

I ministri dei due stati hanno discusso del trasporto

< p>I ministri della Difesa dei nostri stati, prima di tutto, hanno parlato di come esattamente verrà trasportato il grano. Inoltre, vi ha preso parte il ministro delle Infrastrutture Oleksandr Kurbakov.

Il giorno di questo annuncio, la prima nave dall'inizio dell'invasione ha seguito il grano ucraino fino al porto di Odessa. Questa è una nave portarinfuse turca OSPREY S battente bandiera della Liberia. Il 31 luglio la nave ha lasciato il porto turco di Iskenderun.

Annunciati gli orari di partenza della carovana

Già a fine giornata, ha confermato anche il ministro delle Infrastrutture questo. Ha osservato che la partenza di due navi avverrà dalle 5 alle 8 del mattino del 5 agosto. Lasceranno il porto di “Chernomorsk” e uno lascerà anche il porto di Odessa.

Dopo di ciò, si formerà una carovana che, insieme al leader nave, andrà ai porti di destinazione. A bordo delle tre portarinfuse NAVI STAR, ROJEN e POLARNET, un totale di oltre 50.000 tonnellate di mais ucraino nell'ambito dell'”iniziativa del grano”, ha affermato Kurbakov.

Ogni “Calibro” abbattuto è vite salvate: la cosa principale dall'indirizzo di Zelensky per l'8 agosto

Zelensky si è rivolto agli ucraini/OPVladimir Zelensky ha affermato che dopo la guerra non ci dovrebbero essere conflitti fumanti o Read more

Leave a Reply