Dopo l'attacco terroristico a Yelenovka, i parenti dei difensori di Azovstal sono entrati in azione a Kiev

Dopo l'attacco terroristico a Yelenovka, i parenti dei difensori di Azovstal sono entrati in azione a Kiev

I parenti dei difensori di Azovstal sono entrati in azione a Kiev/”Suspilne”< p _ngcontent-sc85="" class ="news-annotation">A Kiev, i parenti dei difensori di Mariupol hanno organizzato una manifestazione in onore dei soldati caduti a seguito dell'attacco terroristico a Yelenovka. La manifestazione si è svolta in piazza Sofiyskaya.

ShareFbTwiTelegramViberShareFbTwiTwiTelegramViber

I parenti dei combattenti hanno chiesto che il Comitato Internazionale della Croce Rossa e l'ONU adempissero ai loro ben noti obblighi e garanzie. Li hanno dati ai combattenti dopo aver lasciato l'Azovstal.

Richieste dei combattenti indigeni

Veronika Mishayeva, una partecipante all'azione, ha sottolineato che lei i parenti chiedono che le organizzazioni internazionali reagiscano e almeno in qualche modo partecipino ai processi prescritti dal diritto internazionale.

Secondo le informazioni dell'intelligence, i prigionieri di guerra sono stati torturati prima di essere giustiziati a Yelenovka. Sono stati interrogati da militanti insieme a rappresentanti della Wagner PMC e dell'FSB. Gli organizzatori dell'azione sottolineano che con questi interrogatori gli invasori hanno cercato di costringere i combattenti a comparire nei rapporti filo-russi e ad assumersi la colpa per i crimini che avrebbero commesso.

L'azione a Kiev: guarda il video

Dopo l'attacco terroristico a Yelenovka, i parenti dei difensori di Azovstal sono entrati in azione a Kiev

Azione a Kiev/Foto “Suspilna”

I combattenti sono stati giustiziati in uno spettacolo per nascondere le condizioni di detenzione e segni di tortura, aggiungono gli organizzatori.< /p>

Molte persone si sono radunate in Piazza Sofia. Hanno cantato “salva i nostri eroi” e “la Russia è un terrorista”.

Dopo l'attacco terroristico a Yelenovka, i parenti dei difensori dell'Azovstal sono entrati in azione a Kiev

Molte persone sono venute alla manifestazione/Foto “Suspilne”

Dopo l'attacco terroristico a Yelenovka, i parenti dei difensori dell'Azovstal sono entrati in azione a Kiev

I parenti hanno chiesto alla Russia essere riconosciuto come paese terrorista/Foto “Suspilne”

Omicidio di prigionieri a Yelenovka: cosa si sa

  • Il 29 luglio, i media russi hanno scritto del attacco alla colonia di Yelenovka, dove gli invasori tenevano prigionieri di guerra ucraini dall'Azovstal. Più di 40 prigionieri ucraini sono stati uccisi e più di 130 feriti.
  • Secondo le conclusioni preliminari degli esperti, i russi hanno utilizzato armi termobariche durante l'attacco terroristico a Yelenovka. Gli occupanti hanno tradizionalmente trasferito la colpa alle forze armate ucraine.
  • La Croce Rossa ha chiesto l'accesso al luogo della tragedia. Tuttavia, la Russia non lo ha permesso.
Tikhanovskaya ha annunciato la creazione di un governo bielorusso di transizione

proteggere l'indipendenza e la sovranità della Bielorussia; rappresentare gli interessi nazionali; disoccupare effettivamente il paese; ripristinare la legge e l'ordine Read more

Tikhanovskaya ha annunciato la creazione di un governo bielorusso di transizione

proteggere l'indipendenza e la sovranità della Bielorussia; rappresentare gli interessi nazionali; disoccupare effettivamente il paese; ripristinare la legge e l'ordine Read more

Leave a Reply