Amnesty International non capisce affatto cosa sia la guerra – Podolyak sulle “prove” dell'organizzazione

Amnesty International non capisce affatto cosa sia la guerra, – Podolyak sulle

Podolyak sulla dichiarazione scandalosa di Amnesty International/Collage di Channel 24

Amnesty International ha affermato che le forze armate mettono in pericolo i civili. Con questa dichiarazione, l'organizzazione diffonde le narrazioni russe e giustifica il genocidio russo contro il popolo ucraino.

ShareFbTwiTelegramViberShareFbTwiTelegramViber

Ma non c'è motivo di credere che il suo rapporto influenzerà l'opinione pubblica nei paesi occidentali. Il consigliere del capo dell'ufficio del presidente Mikhail Podolyak ne ha parlato al Canale 24.

Componenti legali che negano la “prova” di Amnesty International

< p class="bloquote cke-markup">In primo luogo, c'è una violazione del diritto internazionale, questo è stato dimostrato: un'invasione su vasta scala dell'esercito russo nel territorio dello stato sovrano dell'Ucraina. E tutto ciò che fa l'esercito russo è un completo crimine di guerra, soprattutto perché stanno facendo la guerra nell'ambito delle tecnologie terroristiche”, ha spiegato il consigliere del capo dell'Ufficio presidenziale.

Questo, a suo avviso , dovrebbe essere discusso dalle istituzioni internazionali, mentre c'è una guerra.

In secondo luogo, ha osservato Podolyak, l'Ucraina è sulla difensiva nella guerra, difendendo il suo territorio. Usa tutto ciò che serve e ha i diritti assoluti e legali per farlo.

Mykhailo Podolyak ha spiegato che ora stiamo combattendo in territori dove ci sono molti insediamenti e possiamo usarli per operazioni difensive. Questa è una questione di protezione. Tuttavia, il governo ucraino invita costantemente tutte le persone a evacuare dai luoghi in cui si svolgono le ostilità attive. “>Sia Amnesty che qualsiasi altra istituzione internazionale non sono pienamente capaci, non analizzano affatto ciò che sta accadendo in Ucraina oggi. Prendono una posizione piuttosto passiva durante tutto questo tempo in cui la guerra è in corso. Non commentano attivamente le azioni terroristiche della Russia. In effetti, non abbiamo visto alcun rapporto sull'attacco a Vinnitsa, Kremenchug, Mariupol, sul massacro di Bucha, ecc. Cioè, possono essere semplicemente infantili e non dare una valutazione equa di ciò che sta accadendo in Ucraina”, ha osservato Podolyak.

Secondo il consigliere del capo dell'Ufficio presidenziale, ciò suggerisce che tutte queste istituzioni non sono efficaci e richiedono un cambiamento nel formato del loro lavoro.

Podolyak ha sottolineato che la propaganda russa ora sta cercando altri formatiper dimostrare che “non tutto è così semplice”. Per 5 mesi il mondo intero osserva come la Russia sta conducendo una “guerra completamente cannibalistica” contro l'Ucraina, attaccando le infrastrutture civili e i cittadini.

Per creare una certa contrattazione a questo, hanno iniziato a lavorare più sottilmente, in particolare, a causa della sua lobby in queste istituzioni non statali. Sì, queste organizzazioni stanno iniziando a raccontare alcune narrazioni utili alla propaganda russa.

Mikhail Podolyak ha commentato la cinica dichiarazione di Amnesty International: guarda il video

Le testimonianze delle persone possono costituire una base di prova

Amnesty International nella sua dichiarazione fa riferimento anche al testimonianze di persone. Secondo Podolyak, la Russia porterà sicuramente avanti questo caso, ma non avrà conseguenze legali per l'Ucraina. E per il mondo non diventerà una base di prove.

Mikhail Podolyak ha notato che, ovviamente, puoi trovare un certo numero di persone in stato di shock. “E diranno: 'Senti, eravamo scioccati, c'erano soldati nelle vicinanze', ecc.”, ha detto il consigliere.

Questa è guerra. Questo dimostra solo che Amnesty non capisce affatto cosa sia la guerra. C'è la tutela del territorio, comprese le nostre città. Ciò significa che se non difendiamo le nostre città, non possiamo ospitarci lì, ad esempio, perché le ostilità sono aree urbane, ci sono molti villaggi e città. Quindi, dovremmo cedere questo territorio ai russi per impostazione predefinita? Questa è una sciocchezza”, ha sottolineato Podolyak.

Ha notato che la cosa fondamentale è che il governo raccomanda e chiede alla popolazione di evacuare dai luoghi in cui ci sono ostilità attive. Le persone dovrebbero capire che i combattimenti possono aver luogo anche nelle aree popolate. Inoltre, la Russia schiera le sue forze armate principalmente sul territorio di uno stato sovrano negli insediamenti.

La Russia sta attivamente distruggendo gli insediamenti, indipendentemente dal fatto che vi siano o meno forze armate ucraine, perché questa è la tattica degli occupanti. E questo dimostra ancora una volta che Amnesty non capisce la guerra, non ha nemmeno condotto un'analisi o comunicato con i consulenti su cosa sia la guerra nelle aree urbane.

Ci sarà responsabilità legale per Amnesty International

Secondo Podolyak, le organizzazioni non governative non sono responsabili delle loro segnalazioni, per loro ci sono solo questioni di reputazione. Possono fare qualsiasi dichiarazione, non basata su nulla in particolare.

Tuttavia, per Amnesty International, la questione della reputazione non funziona, perché questa non è la prima volta che l'organizzazione fa strane dichiarazioni. Pertanto, secondo il consigliere del capo dell'OP, è necessario introdurre la responsabilità legale per tali organizzazioni globali.

La leadership dell'istituzione deve rispondere sulla base delle quali sono state fatte tali dichiarazioni di propaganda che distorcere il formato della guerra e giustificare le azioni genocide della Russia. Podolyak ha sottolineato che il governo lavorerà su questo.

Prigozhin è scomparso dopo aver colpito la base Wagner a Popasna, ex ufficiale della SBU

Dopo l'attacco dell'APU a Popasna, Yevgeny Prigozhin è scomparso/Collage di Channel 24I militari delle forze armate ucraine studiano il pubblico Read more

Dispersione degli studenti sul Maidan: conclusa un'indagine sull'ex vicesegretario del Consiglio nazionale per la sicurezza e la difesa

DBR ha completato un'altra indagine sui casi Maidan/Getty Images Le forze dell'ordine continuano a indagare sui casi del Maidan. Presentano Read more

Leave a Reply