L'esercito israeliano riprende gli attacchi aerei su larga scala su Gaza – Ministero della Difesa

L'esercito israeliano ha ripreso gli attacchi aerei su larga scala sulla Striscia di Gaza e il Ministero della Difesa del Paese

/AP

L'esercito israeliano continua a colpire obiettivi della Jihad islamica nella Striscia di Gaza. Il ministero della Difesa del Paese ha minacciato i militanti.

ShareFbTwiTwiTelegramViberShareFbTwiTwiTelegramViber

Dicono che gli attacchi siano diretti a impianti di produzione di armi, magazzini e postazioni per il lancio di missili terroristici. I combattenti dell'IAF hanno già attaccato tali obiettivi.

Dove sono finiti

Inoltre, l'IDF ha bombardato una fabbrica di armi, un lanciarazzi e un'organizzazione militare post terrorista Jihad islamica. Gli attacchi contro queste strutture hanno un impatto significativo sulla capacità di un'organizzazione terroristica di sviluppare il proprio potenziale militare.

I video sono pubblicati su Internet di come una raffica di missili viene lanciata contro Israele, vengono intercettati dal Sistema di difesa Iron Dome.

Israele non prende di mira Gaza, ma i terroristi

Il ministro della Difesa Benny Gantz ha affermato che Israele non prende di mira Gaza nel suo insieme o i normali residenti, ma coloro che sono ” responsabile del deterioramento” – “Jihad islamica”, scrive I tempi di Israele.

Distruggeremo coloro che ci minacciano, ha avvertito il ministro.

È convinto che il dominio dei militanti di Hamas su Gaza e le sue terribili conseguenze debba cessare.

Cosa l'ha preceduto

  • Il 5 agosto l'esercito israeliano ha attaccato la Striscia di Gaza . Eliminato il leader della “jihad islamica” Taysir al-Jabari.
  • Tutto perché i terroristi di Hezbollah hanno bloccato le strade e isolato la popolazione palestinese nelle zone di confine. Il checkpoint di Erez è stato chiuso.
Ogni “Calibro” abbattuto è vite salvate: la cosa principale dall'indirizzo di Zelensky per l'8 agosto

Zelensky si è rivolto agli ucraini/OPVladimir Zelensky ha affermato che dopo la guerra non ci dovrebbero essere conflitti fumanti o Read more

Leave a Reply