Ci stiamo preparando a lanciare una controffensiva, – Vereshchuk ha parlato dell'evacuazione dei cittadini dal sud

In preparazione al lancio di una controffensiva, – Vereshchuk ha parlato dell'evacuazione dei cittadini dal sud

Vereshchuk ha parlato dell'evacuazione da sud/Collage di Canale 24

Le regioni meridionali dell'Ucraina sono in attesa di pesanti battaglie. I residenti delle regioni di Kherson e Zaporozhye sono invitati a evacuare immediatamente.

ShareFbTwiTelegramViberShareFbTwiTelegramViber

Fortunatamente, le persone ascoltano i consigli delle autorità. Quindi, ogni giorno 1000 – 1200 persone se ne vanno. Il ministro per la reintegrazione dei territori temporaneamente occupati, Irina Vereshchuk, ne ha parlato a Canale 24.

Dettagli sull'evacuazione dal sud

Secondo Vereshchuk, dal 1 al 5 agosto, 5.330 persone se ne sono andate. Le persone usano l'aiuto di volontari o escono con i propri veicoli.

Le persone vanno e sempre di più. Sono grato a quelle famiglie che osano e si offrono volontarie per salire sui veicoli, utilizzare i treni e gli autobus per l'evacuazione, tutto ciò che è possibile per uscire e adattarsi, – ha affermato il Ministro per la reintegrazione dei territori temporaneamente occupati.

Ha sottolineato che vale la pena considerare l'avvicinarsi dell'inverno. Di conseguenza, gli sfollati hanno bisogno di tempo per adattarsi e adattare i propri figli.

L'AFU si prepara all'offensiva

“Ci stiamo preparando a lanciare una controffensiva. Il nostro esercito chiede ancora una volta aiuto con l'evacuazione della popolazione civile”, ha concluso Vereshchuk.

Il nemico sta cercando di riprendere l'offensiva su Peski, i combattimenti continuano

L'esercito ucraino continua a distruggere il nemico/Collage di Channel 24 proteggere l'Ucraina dagli invasori. Il nemico cerca di riprendere le Read more

Arestovich ha annunciato il numero di aerei nemici con base a “Saki” al momento dell'esplosione

C'erano dozzine di aerei all'aeroporto di Saki/collage di Channel 24Il 9 agosto si è sentita una serie di esplosioni nella Read more

Leave a Reply