“Il futuro è con la Russia” e “si sarebbe comportato come Putin”: quello che ha detto Gorbaciov sull'Ucraina

Mikhail Gorbaciov, unico presidente dell'URSS, è deceduto il 30 agosto al età di 91 anni. Ha parlato dell'Ucraina nella migliore tradizione della propaganda russa.

Gorbaciov visse più a lungo dell'esistenza dell'URSS. Il ministro della Difesa lituano Arvydas Anusauskas ha osservato che “i morti si dicono bene o no, ma non questa volta”, informa il canale 24.

Anusauskas ha osservato che dal punto di vista degli stati democratici, Gorbaciov era un criminale. È stato lui a ordinare la brutale repressione delle proteste pacifiche a Vilnius, Tbilisi, Alma-Ata, Baku e in altre città.

Inoltre, in Lituania hanno esortato a non sopravvalutare il ruolo di Gorbaciov nel crollo di l'URSS. Questo è un risultato dei popoli che lottano per la libertà.

Cosa disse Gorbaciov sull'Ucraina

Il canale 24 ha raccolto nel materiale tutto ciò che è oltraggioso citazioni di Gorbaciov, che come se estratte dal “Manuale del Cremlino” e illustrano vividamente la sua posizione aggressiva.

“Beata” l'occupazione della Crimea

Dal 2014 – l'occupazione della Crimea e l'inizio della guerra tra Russia e Ucraina – Gorbaciov ha sostenuto Vladimir Putin. In particolare, ha “benedetto” l'occupazione della Crimea.

Secondo Gorbaciov, non si trattava della presa di territori stranieri e di un referendum truccato, ma a quanto pareva “la volontà del popolo”. Inoltre, Gorbaciov ha suggerito che lui stesso si sarebbe comportato come Putin.

Ha parlato della rinascita della Soyuz e del “futuro dell'Ucraina con la Russia”

Di tanto in tanto Gorbaciov esprimeva pensieri nostalgici sull'URSS. Inoltre, a volte non poteva nascondere i suoi desideri imperiali e ipotizzava la possibilità di una nuova “alleanza”.

Alla fine Gorbaciov perse così tanto il contatto con la realtà che in un'intervista rilasciò un'assurda dichiarazione che il futuro dell'Ucraina – come con la Russia.

Sono sempre per il libero arbitrio delle persone e la maggioranza in Crimea voleva riunirsi alla Russia. Se fossi ancora al potere, esisterebbe l'Unione Sovietica e la Crimea ne farebbe parte”, ha detto Gorbaciov.

“Conflitto ucraino”

Quando la Russia invase l'Ucraina e occupò parte del Donbas, Gorbaciov iniziò a parlare di un mitico “conflitto ucraino”. Inoltre, nella migliore tradizione della propaganda del Cremlino, ha diffuso falsi secondo cui non si trattava della Russia, ma “entrambe le parti sono da biasimare per l'uso di tipi di armi particolarmente pericolosi”.

Dopo il 24 febbraio, Gorbaciov improvvisamente “si è cambiato le scarpe”

Quando la Russia ha lanciato un'invasione su vasta scala dell'Ucraina, Gorbaciov ha improvvisamente cambiato le sue scarpe in minima parte. Ovviamente, ha capito che il paese terrorista si sarebbe completamente isolato dal mondo civile e voleva presentarsi come un “buon russo”. Allo stesso tempo, non ha avuto il coraggio di parlare pubblicamente.

Il giornalista Alexei Venediktov, commentando l'atteggiamento di Gorbaciov nei confronti di una guerra su vasta scala, si è detto “sconvolto”. Gorbaciov sembrava “capire tutto” e vide che “il lavoro della sua vita” veniva distrutto. Secondo Venediktov, “la libertà è affare di Gorbaciov”.

La vita e la morte di Gorbaciov: ciò che si sa

La carriera.Mikhail Gorbaciov è nato nel Kuban. Suo padre è russo e sua madre è ucraina. Dall'età di 13 anni, il futuro politico ha lavorato in una fattoria collettiva. Primo: alla macchina e alla stazione del trattore. Successivamente – assistente combinare. All'età di 17 anni, Gorbaciov ricevette l'Ordine della Bandiera Rossa del Lavoro.

Ha studiato all'Università statale di Mosca e ha costruito attivamente una carriera come membro di Komsomol. Successivamente, ha assunto l'incarico presso l'ufficio del procuratore regionale a Stavropol. Successivamente, Gorbaciov divenne un organizzatore di partito del comitato regionale del PCUS del Collettivo di produzione territoriale di Stavropol e dell'amministrazione agricola statale. Successivamente fu nominato primo segretario del comitato regionale del partito.

Dal “maestro del Kuban” al “maestro dell'URSS”. Nell'era del la cosiddetta “stagnazione” Gorbaciov era in realtà il “maestro del Kuban”. Poi la sua carriera si sviluppò ancora più rapidamente.

Cronologia

  • 1971 – Gorbaciov diventa membro del Comitato Centrale del PCUS;
  • 1980 anno – un membro del Politburo;
  • 1985 – il Segretario generale del Partito – il capo dell'URSS;
  • 1990 – il Presidente dell'URSS;
  • 1991 – il crollo dell'URSS.

Gorbaciov fu costretto a dimettersi dopo aver firmato un accordo per porre fine all'URSS a Belovezhskaya Pushcha.

Gorbaciov visse a lungo in Germania. Poi tornò in Russia, dove morì. Negli ultimi giorni della sua vita, secondo i media russi, Gorbaciov ha avuto seri problemi di salute.

Prendete nota! Fu durante il governo di Gorbaciov che si verificò il disastro di Chernobyl. All'inizio, nascondeva il vero pericolo alle persone.

A Uzhgorod, ignoti hanno dato fuoco all'auto del giornalista: sul caso indaga la polizia

A Uzhgorod sono state bruciate due auto parcheggiate nelle vicinanze, Subaru Forester e in parte Volkswagen Beetle, di proprietà di Read more

L'ucraina Ksenia Bailo è diventata campionessa mondiale di tuffi tra i junior

L'atleta ucraina di 16 anni Ksenia Bailo ha vinto la medaglia d'oro al Campionato mondiale di tuffi tra juniores, che Read more

Leave a Reply