Questo è un fiasco per noi, – scienziato politico su una possibile proposta minacciosa dell'AIEA

Questo è un fiasco per noi, politologo su una possibile proposta minacciosa dell'AIEA

La missione dell'AIEA, che, nonostante i bombardamenti, ha colpito la centrale nucleare di Zaporozhye, deve attirare alcuni conclusioni. Esiste la possibilità che la delegazione faccia una proposta minacciosa.

Questo Canale 24 è stato raccontato dal politologo Andrey Vigirinsky. Secondo lui, crediamo che l'obiettivo finale dell'arrivo della missione dell'AIEA sia la creazione di una zona smilitarizzata.

“Per noi, questo è in realtà un fiasco”

Vigirinsky ha osservato che dobbiamo essere preparati al fatto che tra le proposte dell'AIEA a seguito della sua visita alla centrale nucleare di Zaporozhye, potrebbe apparire una tesi promossa da alcuni rappresentanti degli Stati Uniti d'America.

Secondo lui, questa tesi è che dal punto di vista della sicurezza nucleare per l'Ucraina, parte della Russia e, in particolare, la Turchia, se non sarà possibile raggiungere accordi sulla smilitarizzazione, sarà più sicuro interrompere l'operazione di la stazione Zaporozhye.

Per noi è quasi un fiasco. Perché ci aspettiamo, e sullo sfondo dell'arrivo dell'AIEA, le nostre risorse informative, il principale dipartimento di intelligence e la leadership politico-militare hanno affermato che l'obiettivo finale dell'arrivo dell'AIEA è la creazione di una zona smilitarizzata, almeno entro un raggio di 10 chilometri intorno alla centrale nucleare di Zaporizhzhya. – ha affermato il politologo.

Ha sottolineato che la creazione di una zona smilitarizzata dovrebbe prevedere che non ci saranno rappresentanti di Rosatom o delle forze armate russe.

Quale potrebbe essere il report della missione dell'AIEA dopo la visita allo ZNPP: guarda il video

“Questa minaccia esiste da almeno 6 mesi”

Vigirinsky ritiene estremamente improbabile che la Russia ritiri le sue truppe sulla base del rapporto dell'AIEA secondo cui la presenza del suo esercito e dell'equipaggiamento militare sul territorio della centrale nucleare di Zaporozhye rappresenta una minaccia per la sicurezza nucleare.

p>

Questa minaccia esiste da almeno 6 mesi. E, se la Russia ne fosse consapevole e fosse pronta a farlo per il bene del sistema di sicurezza globale, allora avrebbe già fatto tutto questo. E, infatti, la guerra non è nemmeno iniziata, – ha detto.

Il politologo ha aggiunto che, tuttavia, non si deve escludere il momento legato alla contrattazione. Cioè, i russi possono sulla possibilità di ritirare le truppe e fare un “gesto di buona volontà” nella direzione di creare una zona smilitarizzata, ma chiederanno qualcosa.

Fai attenzione!L'esercito russo, che ha occupato la centrale nucleare di Zaporozhye, ha rimosso tutte le attrezzature militari dalla centrale nucleare. Secondo lo Stato maggiore delle forze armate ucraine, in connessione con l'arrivo della missione dell'AIEA, circa 100 pezzi di equipaggiamento sono stati ritirati dalla ZNPP, che gli occupanti avevano minato. >

  • In primavera, gli invasori hanno sequestrato la centrale nucleare di Zaporozhye. Gli invasori russi l'hanno trasformata in una base militare.
  • Gli occupanti hanno ripetutamente sparato alla centrale nucleare di Zaporozhye e l'hanno anche minata. i russi hanno cinicamente minacciato di far saltare in aria la centrale se l'Ucraina ne avesse ripreso il controllo.
  • Il 25 agosto, le azioni degli invasori russi hanno portato al primo arresto completo in assoluto della centrale nucleare di Zaporozhye. Nonostante la provocazione del nemico, il livello di radiazioni a Energodar è ancora normale.
  • Il giorno successivo, la centrale nucleare di Zaporozhye è stata collegata alla rete elettrica. La centrale nucleare di Zaporizhzhya ha iniziato a funzionare e sta producendo elettricità per il fabbisogno dell'Ucraina.
  • La mattina del 1 settembre, una missione dell'AIEA si è recata nell'area occupata di Energodar per verificare il funzionamento della centrale nucleare di Zaporizhzhya. Gli occupanti hanno ostacolato la delegazione in ogni modo possibile. Hanno iniziato a bombardare la città alle 5 del mattino.
  • Verso mezzogiorno, la missione dell'AIEA è arrivata alla centrale nucleare di Zaporozhye. Successivamente, il capo dell'agenzia, Rafael Grossi, ha detto di aver visto “cose ​​chiave” che voleva. Alle 18:00 ha lasciato Energodar, i rappresentanti della missione sono rimasti.
  • Il giorno successivo, all'arrivo alla centrale nucleare di Zaporozhye, il capo dell'Agenzia, Rafael Grossi, ha rilasciato una strana dichiarazione sulla situazione alla centrale nucleare.
A Uzhgorod, ignoti hanno dato fuoco all'auto del giornalista: sul caso indaga la polizia

A Uzhgorod sono state bruciate due auto parcheggiate nelle vicinanze, Subaru Forester e in parte Volkswagen Beetle, di proprietà di Read more

L'ucraina Ksenia Bailo è diventata campionessa mondiale di tuffi tra i junior

L'atleta ucraina di 16 anni Ksenia Bailo ha vinto la medaglia d'oro al Campionato mondiale di tuffi tra juniores, che Read more

Leave a Reply