La Russia ha già raggiunto l'Africa: quali narrazioni vi sta diffondendo la propaganda del Cremlino

La Russia ha già raggiunto l'Africa: quali narrazioni si sta diffondendo la propaganda del Cremlino

Nei media online africani sono state trovate narrazioni di propaganda russa. Riguardavano la distorsione dei fatti della guerra e la crisi alimentare.

Il Centro per le comunicazioni strategiche e la sicurezza delle informazioni a giugno e luglio ha analizzato i media di quattro paesi africani: Egitto, Nigeria, Kenya e Sud Africa. Il monitoraggio è stato effettuato dalla startup LetsData in collaborazione con l'organizzazione pubblica Detector Media.

Le citazioni dei media del Cremlino sono alte

Lo abbiamo scoperto che le citazioni dei media pro-Cremlino sono piuttosto alte in alcuni paesi africani.

  • Dal 15 luglio al 29 luglio, la percentuale di citazioni tra tutte le pubblicazioni sull'Ucraina in Egitto è stata del 6,4%. Questo è il tasso più alto tra i 29 paesi studiati nei 5 continenti.
  • Nella prima metà di luglio, la Nigeria ha avuto una percentuale simile di citazioni (6,9%).

Citazioni dei media pro-Cremlino

Cosa i media hanno chiamato la guerra

h3>

Alcune pubblicazioni contenevano persino la terminologia del Cremlino sulla guerra russo-ucraina. In particolare è stato utilizzato il termine “operazione militare speciale”. Questo era più comune nei media egiziani.

Anche i giornalisti africani hanno usato il termine “conflitto”. Questo termine è il più comune tra il vocabolario tossico nei media online di tutti e quattro i paesi: Nigeria, Kenya, Egitto e Sud Africa.

Il termine “crisi ucraina” è il meno usato per riferirsi alla guerra , ma è anche successo.

p>

Le narrazioni del Cremlino

Nei media online di Nigeria, Kenya, Egitto e Sud Africa, nei mesi di giugno e luglio, le narrazioni russe sulla la guerra contro l'Ucraina ha toccato un gran numero di argomenti. Hanno costruito l'immagine dell'Ucraina come uno “Stato colpevole di tutti i problemi”, persino l'invasione russa e la crisi alimentare.

  • In Nigeria hanno scritto che “l'Occidente ha provocato una guerra contro la Russia”,
  • in Kenya, “le persone che rimangono nelle città in prima linea delle regioni di Donetsk e Luhansk sono spesso considerate filo-russe, in attesa di l'arrivo delle truppe russe”,
  • < li>in Egitto – “L'Ucraina non ha rispettato l'accordo preliminare di pace”.

C'erano anche tesi sul trasferimento della responsabilità della crisi alimentare all'Ucraina. Questo argomento è importante per gli abitanti di questo continente, quindi le narrazioni manipolano domande dolorose per il pubblico dei paesi africani.

In Egitto c'erano ripieni, presumibilmente “l'Ucraina ha dato fuoco ai campi di grano al confine con nella regione di Kherson”, e nella Repubblica del Sud Africa, dicono: “La Russia convince i paesi africani che la carenza di cibo non è colpa sua”.

Il tema delle sanzioni è stato distorto come se in Kenya lo fossero gli agricoltori soggetto a restrizioni anti-russe. Di tanto in tanto sui media c'erano descrizioni di eventi come una “guerra civile” e l'affermazione che “l'Ucraina sta perdendo la guerra”.

Argomenti di propaganda nei media africani

Perché il Cremlino sta facendo queste imbottiture

I ricercatori notano che le imbottiture vengono eseguite per litigare tra l'Africa e l'Occidente e l'Ucraina. Alcune unità informative si sono concentrate sull'ostilità immaginaria dell'Occidente e degli ucraini nei paesi africani. In particolare, in Egitto ci sono state segnalazioni secondo cui “Lavrov ha criticato la posizione dell'Occidente sull'Africa” ​​e in Kenya “una donna ucraina ha sottolineato la sua antipatia per la Nigeria nei social network”.

Vero, neutrale e produttivo anche i messaggi nei media online in Africa.

A Uzhgorod, ignoti hanno dato fuoco all'auto del giornalista: sul caso indaga la polizia

A Uzhgorod sono state bruciate due auto parcheggiate nelle vicinanze, Subaru Forester e in parte Volkswagen Beetle, di proprietà di Read more

L'ucraina Ksenia Bailo è diventata campionessa mondiale di tuffi tra i junior

L'atleta ucraina di 16 anni Ksenia Bailo ha vinto la medaglia d'oro al Campionato mondiale di tuffi tra juniores, che Read more

Leave a Reply

La Russia ha già raggiunto l'Africa: quali narrazioni vi sta diffondendo la propaganda del Cremlino

La Russia ha già raggiunto l'Africa: quali narrazioni stanno diffondendo la propaganda del Cremlino

Nei media online africani sono state trovate narrazioni di propaganda russa. Riguardavano la distorsione dei fatti della guerra e la crisi alimentare.

Il Centro per le comunicazioni strategiche e la sicurezza delle informazioni a giugno e luglio ha analizzato i media di quattro paesi africani: Egitto, Nigeria, Kenya e Sud Africa. Il monitoraggio è stato effettuato dalla startup LetsData in collaborazione con l'organizzazione pubblica Detector Media.

Le citazioni dei media del Cremlino sono alte

Lo abbiamo scoperto che le citazioni dei media pro-Cremlino sono piuttosto alte in alcuni paesi africani.

  • Dal 15 luglio al 29 luglio, la percentuale di citazioni tra tutte le pubblicazioni sull'Ucraina in Egitto è stata del 6,4%. Questo è il tasso più alto tra i 29 paesi studiati nei 5 continenti.
  • Nella prima metà di luglio, la Nigeria ha avuto una percentuale simile di citazioni (6,9%).

Citazioni dei media pro-Cremlino

Cosa i media hanno chiamato la guerra

h3>

Alcune pubblicazioni contenevano persino la terminologia del Cremlino sulla guerra russo-ucraina. In particolare è stato utilizzato il termine “operazione militare speciale”. Questo era più comune nei media egiziani.

Anche i giornalisti africani hanno usato il termine “conflitto”. Questo termine è il più comune tra il vocabolario tossico nei media online di tutti e quattro i paesi: Nigeria, Kenya, Egitto e Sud Africa.

Il termine “crisi ucraina” è il meno usato per riferirsi alla guerra , ma è anche successo.

p>

Le narrazioni del Cremlino

Nei media online di Nigeria, Kenya, Egitto e Sud Africa, nei mesi di giugno e luglio, le narrazioni russe sulla la guerra contro l'Ucraina ha toccato un gran numero di argomenti. Hanno costruito l'immagine dell'Ucraina come uno “Stato colpevole di tutti i problemi”, persino l'invasione russa e la crisi alimentare.

  • In Nigeria hanno scritto che “l'Occidente ha provocato una guerra contro la Russia”,
  • in Kenya, “le persone che rimangono nelle città in prima linea delle regioni di Donetsk e Luhansk sono spesso considerate filo-russe, in attesa di l'arrivo delle truppe russe”,
  • < li>in Egitto – “L'Ucraina non ha rispettato l'accordo preliminare di pace”.

C'erano anche tesi sul trasferimento della responsabilità della crisi alimentare all'Ucraina. Questo argomento è importante per gli abitanti di questo continente, quindi le narrazioni manipolano domande dolorose per il pubblico dei paesi africani.

In Egitto c'erano ripieni, presumibilmente “l'Ucraina ha dato fuoco ai campi di grano al confine con nella regione di Kherson”, e nella Repubblica del Sud Africa, dicono: “La Russia convince i paesi africani che la carenza di cibo non è colpa sua”.

Il tema delle sanzioni è stato distorto come se in Kenya lo fossero gli agricoltori soggetto a restrizioni anti-russe. Di tanto in tanto sui media c'erano descrizioni di eventi come una “guerra civile” e l'affermazione che “l'Ucraina sta perdendo la guerra”.

Argomenti di propaganda nei media africani

Perché il Cremlino sta facendo queste imbottiture

I ricercatori notano che le imbottiture vengono eseguite per litigare tra l'Africa e l'Occidente e l'Ucraina. Alcune unità informative si sono concentrate sull'ostilità immaginaria dell'Occidente e degli ucraini nei paesi africani. In particolare, in Egitto ci sono state segnalazioni secondo cui “Lavrov ha criticato la posizione dell'Occidente sull'Africa” ​​e in Kenya “una donna ucraina ha sottolineato la sua antipatia per la Nigeria nei social network”.

Vero, neutrale e produttivo anche i messaggi nei media online in Africa.

A Uzhgorod, ignoti hanno dato fuoco all'auto del giornalista: sul caso indaga la polizia

A Uzhgorod sono state bruciate due auto parcheggiate nelle vicinanze, Subaru Forester e in parte Volkswagen Beetle, di proprietà di Read more

L'ucraina Ksenia Bailo è diventata campionessa mondiale di tuffi tra i junior

L'atleta ucraina di 16 anni Ksenia Bailo ha vinto la medaglia d'oro al Campionato mondiale di tuffi tra juniores, che Read more

Leave a Reply

La Russia ha già raggiunto l'Africa: quali narrazioni vi sta diffondendo la propaganda del Cremlino

La Russia ha già raggiunto l'Africa: quali narrazioni stanno diffondendo la propaganda del Cremlino

Nei media online africani sono state trovate narrazioni di propaganda russa. Riguardavano la distorsione dei fatti della guerra e la crisi alimentare.

Il Centro per le comunicazioni strategiche e la sicurezza delle informazioni a giugno e luglio ha analizzato i media di quattro paesi africani: Egitto, Nigeria, Kenya e Sud Africa. Il monitoraggio è stato effettuato dalla startup LetsData in collaborazione con l'organizzazione pubblica Detector Media.

Le citazioni dei media del Cremlino sono alte

Lo abbiamo scoperto che le citazioni dei media pro-Cremlino sono piuttosto alte in alcuni paesi africani.

  • Dal 15 luglio al 29 luglio, la percentuale di citazioni tra tutte le pubblicazioni sull'Ucraina in Egitto è stata del 6,4%. Questo è il tasso più alto tra i 29 paesi studiati nei 5 continenti.
  • Nella prima metà di luglio, la Nigeria ha avuto una percentuale simile di citazioni (6,9%).

Citazioni dei media pro-Cremlino

Cosa i media hanno chiamato la guerra

h3>

Alcune pubblicazioni contenevano persino la terminologia del Cremlino sulla guerra russo-ucraina. In particolare è stato utilizzato il termine “operazione militare speciale”. Questo era più comune nei media egiziani.

Anche i giornalisti africani hanno usato il termine “conflitto”. Questo termine è il più comune tra il vocabolario tossico nei media online di tutti e quattro i paesi: Nigeria, Kenya, Egitto e Sud Africa.

Il termine “crisi ucraina” è il meno usato per riferirsi alla guerra , ma è anche successo.

p>

Le narrazioni del Cremlino

Nei media online di Nigeria, Kenya, Egitto e Sud Africa, nei mesi di giugno e luglio, le narrazioni russe sulla la guerra contro l'Ucraina ha toccato un gran numero di argomenti. Hanno costruito l'immagine dell'Ucraina come uno “Stato colpevole di tutti i problemi”, persino l'invasione russa e la crisi alimentare.

  • In Nigeria hanno scritto che “l'Occidente ha provocato una guerra contro la Russia”,
  • in Kenya, “le persone che rimangono nelle città in prima linea delle regioni di Donetsk e Luhansk sono spesso considerate filo-russe, in attesa di l'arrivo delle truppe russe”,
  • < li>in Egitto – “L'Ucraina non ha rispettato l'accordo preliminare di pace”.

C'erano anche tesi sul trasferimento della responsabilità della crisi alimentare all'Ucraina. Questo argomento è importante per gli abitanti di questo continente, quindi le narrazioni manipolano domande dolorose per il pubblico dei paesi africani.

In Egitto c'erano ripieni, presumibilmente “l'Ucraina ha dato fuoco ai campi di grano al confine con nella regione di Kherson”, e nella Repubblica del Sud Africa, dicono: “La Russia convince i paesi africani che la carenza di cibo non è colpa sua”.

Il tema delle sanzioni è stato distorto come se in Kenya lo fossero gli agricoltori soggetto a restrizioni anti-russe. Di tanto in tanto sui media c'erano descrizioni di eventi come una “guerra civile” e l'affermazione che “l'Ucraina sta perdendo la guerra”.

Argomenti di propaganda nei media africani

Perché il Cremlino sta facendo queste imbottiture

I ricercatori notano che le imbottiture vengono eseguite per litigare tra l'Africa e l'Occidente e l'Ucraina. Alcune unità informative si sono concentrate sull'ostilità immaginaria dell'Occidente e degli ucraini nei paesi africani. In particolare, in Egitto ci sono state segnalazioni secondo cui “Lavrov ha criticato la posizione dell'Occidente sull'Africa” ​​e in Kenya “una donna ucraina ha sottolineato la sua antipatia per la Nigeria nei social network”.

Vero, neutrale e produttivo anche i messaggi nei media online in Africa.

A Uzhgorod, ignoti hanno dato fuoco all'auto del giornalista: sul caso indaga la polizia

A Uzhgorod sono state bruciate due auto parcheggiate nelle vicinanze, Subaru Forester e in parte Volkswagen Beetle, di proprietà di Read more

L'ucraina Ksenia Bailo è diventata campionessa mondiale di tuffi tra i junior

L'atleta ucraina di 16 anni Ksenia Bailo ha vinto la medaglia d'oro al Campionato mondiale di tuffi tra juniores, che Read more

Leave a Reply

La Russia ha già raggiunto l'Africa: quali narrazioni vi sta diffondendo la propaganda del Cremlino

La Russia ha già raggiunto l'Africa: che tipo di narrativa si sta diffondendo la propaganda del Cremlino< /p>

Nei media online africani sono state trovate narrazioni di propaganda russa. Riguardavano la distorsione dei fatti della guerra e la crisi alimentare.

Il Centro per le comunicazioni strategiche e la sicurezza delle informazioni a giugno e luglio ha analizzato i media di quattro paesi africani: Egitto, Nigeria, Kenya e Sud Africa. Il monitoraggio è stato effettuato dalla startup LetsData in collaborazione con l'organizzazione pubblica Detector Media.

Le citazioni dei media del Cremlino sono alte

Lo abbiamo scoperto che le citazioni dei media pro-Cremlino sono piuttosto alte in alcuni paesi africani.

  • Dal 15 luglio al 29 luglio, la percentuale di citazioni tra tutte le pubblicazioni sull'Ucraina in Egitto è stata del 6,4%. Questo è il tasso più alto tra i 29 paesi studiati nei 5 continenti.
  • Nella prima metà di luglio, la Nigeria ha avuto una percentuale simile di citazioni (6,9%).

Citazioni dei media pro-Cremlino

Cosa i media hanno chiamato la guerra

h3>

Alcune pubblicazioni contenevano persino la terminologia del Cremlino sulla guerra russo-ucraina. In particolare è stato utilizzato il termine “operazione militare speciale”. Questo era più comune nei media egiziani.

Anche i giornalisti africani hanno usato il termine “conflitto”. Questo termine è il più comune tra il vocabolario tossico nei media online di tutti e quattro i paesi: Nigeria, Kenya, Egitto e Sud Africa.

Il termine “crisi ucraina” è il meno usato per riferirsi alla guerra , ma è anche successo.

p>

Le narrazioni del Cremlino

Nei media online di Nigeria, Kenya, Egitto e Sud Africa, nei mesi di giugno e luglio, le narrazioni russe sulla la guerra contro l'Ucraina ha toccato un gran numero di argomenti. Hanno costruito l'immagine dell'Ucraina come uno “Stato colpevole di tutti i problemi”, persino l'invasione russa e la crisi alimentare.

  • In Nigeria hanno scritto che “l'Occidente ha provocato una guerra contro la Russia”,
  • in Kenya, “le persone che rimangono nelle città in prima linea delle regioni di Donetsk e Luhansk sono spesso considerate filo-russe, in attesa di l'arrivo delle truppe russe”,
  • < li>in Egitto – “L'Ucraina non ha rispettato l'accordo preliminare di pace”.

C'erano anche tesi sul trasferimento della responsabilità della crisi alimentare all'Ucraina. Questo argomento è importante per gli abitanti di questo continente, quindi le narrazioni manipolano domande dolorose per il pubblico dei paesi africani.

In Egitto c'erano ripieni, presumibilmente “l'Ucraina ha dato fuoco ai campi di grano al confine con nella regione di Kherson”, e nella Repubblica del Sud Africa, dicono: “La Russia convince i paesi africani che la carenza di cibo non è colpa sua”.

Il tema delle sanzioni è stato distorto come se in Kenya lo fossero gli agricoltori soggetto a restrizioni anti-russe. Di tanto in tanto sui media c'erano descrizioni di eventi come una “guerra civile” e l'affermazione che “l'Ucraina sta perdendo la guerra”.

Argomenti di propaganda nei media africani

Perché il Cremlino sta facendo queste imbottiture

I ricercatori notano che le imbottiture vengono eseguite per litigare tra l'Africa e l'Occidente e l'Ucraina. Alcune unità informative si sono concentrate sull'ostilità immaginaria dell'Occidente e degli ucraini nei paesi africani. In particolare, in Egitto ci sono state segnalazioni secondo cui “Lavrov ha criticato la posizione dell'Occidente sull'Africa” ​​e in Kenya “una donna ucraina ha sottolineato la sua antipatia per la Nigeria nei social network”.

Vero, neutrale e produttivo anche i messaggi nei media online in Africa.

A Uzhgorod, ignoti hanno dato fuoco all'auto del giornalista: sul caso indaga la polizia

A Uzhgorod sono state bruciate due auto parcheggiate nelle vicinanze, Subaru Forester e in parte Volkswagen Beetle, di proprietà di Read more

L'ucraina Ksenia Bailo è diventata campionessa mondiale di tuffi tra i junior

L'atleta ucraina di 16 anni Ksenia Bailo ha vinto la medaglia d'oro al Campionato mondiale di tuffi tra juniores, che Read more

Leave a Reply

La Russia ha già raggiunto l'Africa: quali narrazioni vi sta diffondendo la propaganda del Cremlino

La Russia ha già raggiunto l'Africa: quali narrazioni stanno diffondendo la propaganda del Cremlino

Nei media online africani sono state trovate narrazioni di propaganda russa. Riguardavano la distorsione dei fatti della guerra e la crisi alimentare.

Il Centro per le comunicazioni strategiche e la sicurezza delle informazioni a giugno e luglio ha analizzato i media di quattro paesi africani: Egitto, Nigeria, Kenya e Sud Africa. Il monitoraggio è stato effettuato dalla startup LetsData in collaborazione con l'organizzazione pubblica Detector Media.

Le citazioni dei media del Cremlino sono alte

Lo abbiamo scoperto che le citazioni dei media pro-Cremlino sono piuttosto alte in alcuni paesi africani.

  • Dal 15 luglio al 29 luglio, la percentuale di citazioni tra tutte le pubblicazioni sull'Ucraina in Egitto è stata del 6,4%. Questo è il tasso più alto tra i 29 paesi studiati nei 5 continenti.
  • Nella prima metà di luglio, la Nigeria ha avuto una percentuale simile di citazioni (6,9%).

Citazioni dei media pro-Cremlino

Cosa i media hanno chiamato la guerra

h3>

Alcune pubblicazioni contenevano persino la terminologia del Cremlino sulla guerra russo-ucraina. In particolare è stato utilizzato il termine “operazione militare speciale”. Questo era più comune nei media egiziani.

Anche i giornalisti africani hanno usato il termine “conflitto”. Questo termine è il più comune tra il vocabolario tossico nei media online di tutti e quattro i paesi: Nigeria, Kenya, Egitto e Sud Africa.

Il termine “crisi ucraina” è il meno usato per riferirsi alla guerra , ma è anche successo.

p>

Le narrazioni del Cremlino

Nei media online di Nigeria, Kenya, Egitto e Sud Africa, nei mesi di giugno e luglio, le narrazioni russe sulla la guerra contro l'Ucraina ha toccato un gran numero di argomenti. Hanno costruito l'immagine dell'Ucraina come uno “Stato colpevole di tutti i problemi”, persino l'invasione russa e la crisi alimentare.

  • In Nigeria hanno scritto che “l'Occidente ha provocato una guerra contro la Russia”,
  • in Kenya, “le persone che rimangono nelle città in prima linea delle regioni di Donetsk e Luhansk sono spesso considerate filo-russe, in attesa di l'arrivo delle truppe russe”,
  • < li>in Egitto – “L'Ucraina non ha rispettato l'accordo preliminare di pace”.

C'erano anche tesi sul trasferimento della responsabilità della crisi alimentare all'Ucraina. Questo argomento è importante per gli abitanti di questo continente, quindi le narrazioni manipolano domande dolorose per il pubblico dei paesi africani.

In Egitto c'erano ripieni, presumibilmente “l'Ucraina ha dato fuoco ai campi di grano al confine con nella regione di Kherson”, e nella Repubblica del Sud Africa, dicono: “La Russia convince i paesi africani che la carenza di cibo non è colpa sua”.

Il tema delle sanzioni è stato distorto come se in Kenya lo fossero gli agricoltori soggetto a restrizioni anti-russe. Di tanto in tanto sui media c'erano descrizioni di eventi come una “guerra civile” e l'affermazione che “l'Ucraina sta perdendo la guerra”.

Argomenti di propaganda nei media africani

Perché il Cremlino sta facendo queste imbottiture

I ricercatori notano che le imbottiture vengono eseguite per litigare tra l'Africa e l'Occidente e l'Ucraina. Alcune unità informative si sono concentrate sull'ostilità immaginaria dell'Occidente e degli ucraini nei paesi africani. In particolare, in Egitto ci sono state segnalazioni secondo cui “Lavrov ha criticato la posizione dell'Occidente sull'Africa” ​​e in Kenya “una donna ucraina ha sottolineato la sua antipatia per la Nigeria nei social network”.

Vero, neutrale e produttivo anche i messaggi nei media online in Africa.

A Uzhgorod, ignoti hanno dato fuoco all'auto del giornalista: sul caso indaga la polizia

A Uzhgorod sono state bruciate due auto parcheggiate nelle vicinanze, Subaru Forester e in parte Volkswagen Beetle, di proprietà di Read more

L'ucraina Ksenia Bailo è diventata campionessa mondiale di tuffi tra i junior

L'atleta ucraina di 16 anni Ksenia Bailo ha vinto la medaglia d'oro al Campionato mondiale di tuffi tra juniores, che Read more

Leave a Reply