Sullo sfondo di una controffensiva: le unità russe vengono inondate di alcol e si sparano da sole

Sullo sfondo di una controffensiva: le unità russe si versano alcol e si sparano da sole

I militari di molte fazioni delle forze di occupazione russe si sono improvvisamente resi conto che il Cremlino non avrebbe vinto la guerra per distruggere l'Ucraina. Se prima dell'inizio della controffensiva erano sicuri della vittoria ed erano pronti a sopportare tutte le difficoltà del servizio per amore dell'idea di Putin, ora gli occupanti hanno meno voglia di combattere.

Secondo per incanalare 24 fonti nelle agenzie di intelligence ucraine, la svolta delle Forze della nostra difesa nelle regioni di Kherson e Kharkov influenzò notevolmente, prima di tutto, il morale delle truppe invasori. Fiduciosi nelle loro idee sciovinistiche, i terroristi e i rappresentanti dell'orda hanno visto che le forze armate ucraine avevano bisogno solo di pochi giorni per riconquistare dalla “seconda armata del mondo” quei territori che la Russia si stava impadronindo da mesi. conducendo una guerra moderna , ma non c'è fratellanza militare in quanto tale tra i russi ei loro sostenitori. Non appena le guardie di Putin sentono il pericolo per la propria vita, scappano, abbandonando i loro compagni d'armi e lasciando le unità vicine senza copertura.

  • La terribile verità che è quasi impossibile sopravvivere a questa guerra e che l'esercito russo non è in grado di prendersi cura di coloro a cui ha promesso un sostegno a tutto tondo, ha demotivato sia i terroristi del Donbass che gli stessi invasori di Putin.
  • < li>Quei criminali di guerra, che si sono resi conto della portata del fallimento di Putin, si sono trovati in una posizione non invidiabile. Non possono tornare a casa e non vogliono davvero combattere in condizioni di logistica distrutta senza il normale comando e supporto aereo con l'artiglieria.

  • Quindi, i rappresentanti dell'orda a Zaporizhia, nella regione di Kherson e nel Donbass hanno iniziato ad affrontare il loro problema psicologico nel solito modo da soli: versando alcol.
  • Un aumento significativo del numero di i soldati ubriachi hanno immediatamente influito sull'efficacia in combattimento delle truppe. I casi di conflitti interni con l'uso delle armi sono diventati più frequenti nei punti di dispiegamento permanente degli occupanti russi.
  • Inoltre, non è raro che esploratori ubriachi che correggono l'artiglieria si confondano nelle coordinate, dirigendo proiettili contro le loro unità.

Soprattutto, sono gli amanti ideologici del “mondo russo” chi al paese aggressore in caso di fallimento, sarà chiuso per loro. Cosa fare dopo la vittoria dell'Ucraina, nessuno dei traditori capisce. Dopotutto, rischiano l'ergastolo per i loro crimini.

I russi hanno subito perdite incredibili

Soprattutto, gli invasori sono sconvolti dal fatto che il comando a tutti i livelli si sia allontanato dall'esercitare i propri poteri al primo pericolo. I comandanti furono i primi a fuggire da ogni settore del fronte e il loro personale si ritirò in preda al panico. Allo stesso tempo, le truppe ucraine hanno metodicamente distrutto unità avanzate, equipaggiamento che gli invasori hanno cercato di portare alle retrovie e hanno anche sferrato attacchi da HIMARS ai posti di comando.

Uno degli attacchi al quartier generale, che non ha avuto il tempo di arrotolarsi rapidamente e spostarsi in un luogo sicuro, ha portato al fatto che i generali russi hanno finalmente perso il controllo delle unità nella regione di Kharkiv. Come risultato della sconfitta, decine di ufficiali che cercavano in qualche modo di guidare le truppe morirono. Più di 45 colonnelli, capitani e maggiori furono feriti.

Solo dopo, le truppe di retroguardia a Izyum e Kupyansk iniziarono a ritirarsi dalle loro posizioni in modo relativamente centralizzato. Ma il panico al fronte si è diffuso così rapidamente che gli occupanti hanno dimenticato attrezzature e armi, il che ha aperto una sorta di prestito per le truppe ucraine.

È piuttosto interessante che gli invasori fuggono dal Kharkov non si sono affatto radunati, il che significa che la maggior parte di loro non aveva nulla di preparato per la rimozione del bottino. Pertanto, l'Orda delle retrovie cercò ancora di portare fuori i corpi dei loro “duecento” e dei feriti. In alcuni luoghi i morti venivano caricati su camion Kamaz e tra la “carne da cannone” distrutta si nascondevano i sopravvissuti, per finire sul territorio della Russia e non tornare mai più in Ucraina.

A Uzhgorod, ignoti hanno dato fuoco all'auto del giornalista: sul caso indaga la polizia

A Uzhgorod sono state bruciate due auto parcheggiate nelle vicinanze, Subaru Forester e in parte Volkswagen Beetle, di proprietà di Read more

L'ucraina Ksenia Bailo è diventata campionessa mondiale di tuffi tra i junior

L'atleta ucraina di 16 anni Ksenia Bailo ha vinto la medaglia d'oro al Campionato mondiale di tuffi tra juniores, che Read more

Leave a Reply

eight + nine =